Messina – Reggina, postpartita: Lo Monaco non si presenta, Ferrigno parafulmine

ferrigno400Metterci la faccia equivale ad assumersi le proprie responsabilità. Il presidente Pietro Lo Monaco ha però scelto un’altra strada, quella di mantenere il silenzio non presentandosi in conferenza stampa al termine del match tra Messina e Reggina che ha sancito la retrocessione in serie D dei giallorossi.

Al suo posto, il parafulmine Fabrizio Ferrigno che senza giri di parole ammette le colpe di una società che ha vanificato con una sconfitta tre anni di lavoro e investimenti. “Sono distrutto, è il giorno più triste da quando sono qui a Messina. Non ci sono giustificazioni, è stata una stagione iniziata male e finita peggio. La squadra non ha dato ciò che ci si aspettava, abbiamo avuto grossi problemi fin da subito e non siamo riusciti a risolverli”.

Per Ferrigno ha contribuito anche il caos legato alla restituzione dei punti alla Reggina, retrocessa sul campo e ritrovatasi di colpo a lottare nei play-out- “Il campionato è stato falsato – spiega – avevamo preparato le due gare con il Savoia e poi ci siamo trovati la Reggina. Da questa situazione i nostri avversari hanno sicuramente tratto vantaggio”.

A poche ore da una delusione così cocente è difficile parlare di futuro. Ferrigno non si sbottona, ma ammette: “Valuteremo nei prossimi giorni la situazione, la proprietà si farà sentire a breve. Vedremo se ripartire subito, chiedere un eventuale ripescaggio. Il Messina andrà comunque avanti”.

 

(468)

Categorie

Primo piano, Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *