La Provincia vieta il canottaggio ai Laghi. Lo sport “disturba la fauna”

lago ganzirriNiente più canottaggio ai laghi di Ganzirri. Il commissario della Provincia Filippo Romano ha trasmesso l’atto di indirizzo al dirigente per la Tutela delle aree naturali Silvana Schachter. Romano ha accolto le richieste delle associazioni ambientaliste contrarie all’utilizzo dei laghi come zona aperta agli sport d’acqua. Il 21 giugno del 2001 l’amministrazione provinciale ha avuto in gestione la riserva naturale dei laghi chiamata “Laguna di Capo Peloro”. Il 21 aprile del 2011 il comitato regionale aveva rivolto istanza a Palazzo dei Leoni per fare canottaggio e che l’area richiesta per l’attività agonistica ricade in zona “A” della riserva naturale. Il 19 maggio 2011 il dirigente “Aree Protette e Parchi” insieme al direttore delle riserve aveva rilasciato il nulla osta condizionato all’utilizzo della parte sud del lago di Ganzirri per eseguire gli allenamenti sportivi. Le associazioni WWf Sicilia e Man hanno inviate delle note stigmatizzando presunti comportamenti lesivi dell’ambiente perché – secondo quanto segnalato – “comporta disturbo alla fauna” e che il canotaggio sarebbe stato esercitato al di fuori delle regole imposte e soprattutto della zona di lago assegnata. Il commissario evidenzia che occorre procedere a un’attenta regolamentazione di tutte le attività che possono essere consentite nella riserva e nella preriserva, comprese le attività imprenditoriali. Romano incarica il dirigente provinciale di: “Procedere al censimento di tutte le attività sportive, produttive che in atto vengono svolte all’interno del territorio della riserva naturale orientata “Capo Peloro” provvedendo, nelle more, ad avviare il procedimento di revoca dell’autorizzazione rilasciata al comitato regionale Fic Canottaggio Sicilia per lo svolgimento delle attività nel lago di Ganzirri”. Per Romano il suo atto di indirizzo costituisce obiettivo di primaria rilevanza per la valutazione del dirigente incaricato.

(43)

Categorie

Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *