Acr Messina: futuro senza Lo Monaco. Confcommercio chiama l’imprenditoria locale

11146513_963773370333289_8415971389452569095_nL’era Lo Monaco è ormai terminata ed il calcio messinese potrebbe ripartire dall’impegno dell’imprenditoria locale. Questa mattina la Confcommercio ha presentato il progetto “My Messina”, un azionariato popolare finalizzato a rilevare le quote della società biancoscudata e ripartire da zero con un nuovo progetto. I dettagli dell’iniziativa sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa moderata dal giornalista Davide Gambale e a cui hanno preso parte il presidente della Confcommercio Carmelo Picciotto, il presidente Fipe Lino Santoro, il tesoriere della Confcommercio Maurizio La Malfa. A rappresentare l’Acr Messina, il dirigente Giovanni Di Bartolo.

E proprio Di Bartolo illustra il programma tecnico alla base del nuovo progetto. “L’idea è quella di ripartire dalla serie D utilizzando lo stadio Celeste – spiega – al momento non ci sono le condizioni per puntare alla Lega Pro con un ripescaggio. L’organico è attualmente composto da 93 tesserati facenti parte del settore giovanile. Abbiamo già individuato il tecnico così come il direttore sportivo”.

Secondo indiscrezioni, tra i papabili candidati al ruolo di allenatore spicca il nome di Antonio Venuto che avrebbe superato la concorrenza dello stesso Arturo Di Napoli che a giorni sarà in città con un ulteriore cordata di imprenditori.

Al momento, l’unica vera certezza è il definitivo addio del patron Pietro Lo Monaco. “Abbiamo incontrato Lo Monaco ieri sera – spiega Di Bartolo – ha nuovamente ribadito la decisione di mollare tutto, confermando quanto già detto ad aprile. Il futuro del calcio messinese sarà senza di lui, al momento i nostri consulenti stanno valutando le carte per rilevare le quote definitivamente le quote societarie. Siamo in attesa di visionare il bilancio già approvato lo scorso 25 giugno”. Ed a proposito di bilancio, oggi trapela la notizia delle dimissioni di Isabella Gravina, revisore dei conti dell’Acr Messina.

Intanto, l’imprenditoria locale è pronta a contribuire. “La Confcommercio di Messina conta attualmente 16mila iscritti – spiega il presidente Carmelo Picciotto – vogliamo riavvicinarci al calcio seguendo il modello inglese attraverso una creazione di una rete di micro-aziende pronte a sostenere la nuova società. Siamo aperti a tutti, ma non vogliamo avventurieri, occorre una leadership seria che guidi la società.  Venerdì avremo un ulteriore incontro, la prossima settimana contiamo di partire con l’azionariato popolare”.

 

Andrea Castorina

 

 

 

(380)

Categorie

Primo piano, Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *