Sanità in Sicilia. Musumeci assessore ad interim dopo le dimissioni di Razza

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Sicilia. Il presidente della Regione Nello Musumeci assume il ruolo di assessore alla Salute ad interim. Ad annunciarlo è lo stesso Musumeci, intervenendo all’Ars, dopo aver letto la nota di dimissioni dell’assessore Razza.

«Un atto di grande responsabilità – ha detto Musumeci – che fa onore all’avvocato Ruggero Razza e che non mi sorprende, conoscendone la formazione politica, culturale e l’integrità morale».

Il Presidente della Regione Siciliana ha precisato, inoltre, che manterrà il titolo di assessore alla Salute ad interim «fin quando riterrò necessario e opportuno farlo, proprio perché voglio assicurare i siciliani che il governo non defletterà di un solo centimetro dal percorso fin qui fatto con l’assessore Razza e con tutto il governo. Andremo avanti dritto, senza una tregua. Lo impone la pandemia, la volontà dei siciliani e il nostro dovere istituzionale».

Musumeci ha comunicato anche la disponibilità, sua e del governo, a riferire in Aula sulla vicenda giudiziaria – partita da un’inchiesta della Procura di Trapani – che coinvolge alcuni dirigenti dell’assessorato alla Salute e riguarda presunti “dati falsati” in merito a numero di positivi e tamponi trasmessi all’Istituto Superiore di Sanità.

«Né io, né il governo – ha detto il presidente – intendiamo assolutamente sottrarci al confronto. Vorrei solo lanciare un appello: in questo momento, proprio in coerenza col rispetto verso le istituzioni, prima ancora che verso le persone, proporrei di definire la Finanziaria, che è un atto indispensabile per la comunità siciliana. Un minuto dopo possiamo dare vita al dibattito, pur non avendo, né io né altri, potuto procedere all’acquisizione degli atti e quindi alla loro lettura».

(173)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.