Sfiducia, Faranda e Rizzo: “Chi ha firmato ha dimostrato senso di responsabilità”

palazzo zancaLa questione sfiducia entra nel vivo. Con l’inaspettata firma del capogruppo Pd Antonella Russo, ieri si è raggiunta quota 16 e la mozione entro un mese dovrà essere esaminata dal Consiglio comunale. Com’è ormai noto, se la sfiducia dovesse essere approvata da 27 consiglieri, la Giunta e lo stesso Consiglio andrebbero a casa e la città si preparerebbe alle elezioni di giugno.

Intanto, il “traguardo” delle 16 firme è commentato positivamente da Mario Rizzo e Daniela Faranda, rispettivamente capogruppo di Centristi per la Sicilia e Ncd, ovvero i due gruppi promotori della mozione depositata lo scorso luglio.

“Alla fine il buon senso ha prevalso su tutto – precisano – . Come promotori della mozione di sfiducia al sindaco di Messina, Renato Accorinti, siamo soddisfatti per la possibilità che questa possa essere discussa in Consiglio comunale. Ringraziamo i colleghi che, al di là delle appartenenze politiche, hanno sottoscritto il nostro documento – continuano –  condividendo lo spirito e le motivazioni che ci hanno portato a depositare a luglio la mozione di sfiducia, dimostrando serietà e senso di responsabilità verso la città. Da oggi- concludono Rizzo e Faranda – seguiremo passo dopo passo l’iter che ne consentirà l’approdo in aula, permettendo cosi al Consiglio di esprimersi in modo inequivocabile”.

(110)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *