Sanità. L’Asp risponde alla Cgil: “Gestione trasparente delle risorse umane”

SirnaIncalzato dalla Fp Cgil, che lo aveva definito “desaperecido”, il direttore generale dell’Asp Gaetano Sirna (in foto) decide di rispondere al sindacato e lo fa tramite una nota stampa. “Sul piano della gestione delle risorse umane  – ribadisce Sirna – l’Asp non solo è stata trasparente, ma si è mostrata sensibile alle istanze dei suoi dipendenti, tanto che dopo 15 anni questa Azienda ha provveduto a conferire gli incarichi ai dirigenti medici”.

Il trasferimento di una dipendente del laboratorio di sanità pubblica di Messina all’UOC di Patologia clinica di Barcellona – si legge nella nota –  è parte di un processo già avviato da qualche tempo per supportare strutture il cui carico di lavoro è estremamente elevato. Scelta per altro in linea con  richieste che la stessa CGIL in più occasioni ha portato all’attenzione dell’Asp, affinché si provvedesse a sopperire in urgenza alla carenza di tecnici di laboratorio presso i servizi di patologia clinica. Come è noto il laboratorio di sanità pubblica  – anche alla luce delle determinazioni dell’Assessorato Regionale della Salute –  è stato svuotato di molte delle funzioni che un tempo lo caratterizzavano e di certo non lavora h 24. L’attività oggi è limitata esclusivamente al controllo delle acque.  La logica adottata è stata, pertanto, quella  di ricollocare le risorse disponibili, per venire incontro alle esigenze di realtà che necessitano di un potenziamento perché più oberate di lavoro. Un metodo che l’Asp è stata obbligata ad adottare perché in questo momento non è possibile procedere ad assunzioni a tempo determinato, a causa del divieto imposto dalla corte dei conti di non superare la somma del 50% delle risorse spese nel  2009.

Difficoltà, quelle sul personale, che appartengono anche al dipartimento riabilitazione – prosegue il comunicato dell’Asp – . Anche in questo caso è stato difficile reperire risorse perché in molti casi nessun professionista ha risposto agli avvisi che l’azienda ha bandito per assegnare gli incarichi. L’intento dunque – visto l’elevato numero di richieste provenienti da tutta la provincia – è stato quello di attivarsi subito per non mettere in ginocchio un settore già sofferente.  “La nuova dotazione organica – sottolinea il direttore generale Gaetano Sirna –  terrà conto di tutte queste necessità per mettere un punto fermo sulle difficoltà fin ora registrate e questa sarà l’occasione per un conforto con tutte le organizzazioni sindacali”.

 

(322)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *