Riforma Province, Coltraro: “Una sconfitta per la Sicilia”

coltraro“Una sconfitta per la Sicilia l’approvazione della riforma per le Province. L’adeguamento integrale alla legge Delrio è una chiara sottomissione del governo regionale allo strapotere romano, il che rappresenta, come già manifestato, una ulteriore violazione dei principi costituzionali che sono alla base dell’autonomia statutaria siciliana. Sono parole di Giambattista Coltraro,capogruppo all’Ars di Sicilia Democratica, che prosegue: ” Ma fatto il danno, almeno cerchiamo di moderarlo attraverso una serie di concertazioni con il governo centrale, con cui vengano adottati riadattamenti e si trovino risorse economiche per dare definitiva sistemazione ai precari di Comuni ed ex Province siciliane. Insomma- conclude il capogruppo di SD- non facciamoci schiavi, manteniamo almeno la dignità regionale, altrimenti tanto vale negoziare con Roma l’abrogazione dello statuto ed eliminare l’autonomia”. Province. Coltraro (SD): ” Una sconfitta per l’Autonomia, ma adesso cerchiamo di limitare il danno, si pensi ai precari”
“Una sconfitta per la Sicilia l’approvazione della riforma per le Province. L’adeguamento integrale alla legge Delrio è una chiara sottomissione del governo regionale allo strapotere romano, il che rappresenta, come già manifestato, una ulteriore violazione dei principi costituzionali che sono alla base dell’autonomia statutaria siciliana. Sono parole di Giambattista Coltraro,capogruppo all’Ars di Sicilia Democratica, che prosegue: ” Ma fatto il danno, almeno cerchiamo di moderarlo attraverso una serie di concertazioni con il governo centrale, con cui vengano adottati riadattamenti e si trovino risorse economiche per dare definitiva sistemazione ai precari di Comuni ed ex Province siciliane. Insomma- conclude il capogruppo di SD- non facciamoci schiavi, manteniamo almeno la dignità regionale, altrimenti tanto vale negoziare con Roma l’abrogazione dello statuto ed eliminare l’autonomia”.

(108)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *