“Qui non si passa”. Accesso al mare negato a Torre Faro

img_1920Nessuna proprietà privata  per nessun motivo può impedire l’accesso al mare alla collettività se la proprietà stessa è l’unica via per raggiungere la spiaggia. E’ quanto ha stabilito la Cassazione nel lontano 2001. Una direttiva che a Messina, città di mare solo su carta, viene spesso disattesa. E’ il caso della via Arena di Torre Faro dove la spiaggia è in parte recintata e occupata dai manufatti che i pescatori usano per ricoverare le proprie barche durante i mesi invernali.

A segnalare la questione è il consigliere della VI Circoscrizione Giuseppe Sanò che rivendica il diritto dei cittadini ad usufruire dell’accesso al mare, attualmente negato. Sanò si rivolge direttamente all’assessore regionale al Territorio Maurizio Croce. “Non pretendo che si arrivi a tanto – spiega Sanò –  anche se uno dei tratti di costa più belli del messinese grida vendetta e lo esigerebbe, ma almeno che si realizzino dei varchi per raggiungere la spiaggia e il mare. Attualmente, è impossibile  anche poter prestare soccorso in caso di necessità. Pertanto assessore , chiedo con forza che venga restituita ai cittadini la possibilità di accedere al mare creando opportuni varchi, come previsto dal PUDM (Piano Utilizzo Demanio Marittimo) in attesa di approvazione”.

 

(967)

1 Commento

  • Nino Di B ha detto:

    La realtà è che non si tratta dei ricoveri dei pescatori, ma dei residenti delle case dall’altra parte della strada, che si sono creati l’accesso a mare privato, delle abitazioni e locali abusivi e delle concessioni che il demanio o la capitaneria o chi per loro ha dato 12 mesi all’anno per locali e lidi vari.. la zona non è adatta ad ospitare ricoveri barche, a causa della spiaggia corta e della forza che può raggiungere il mare quando imperversa il maestrale, ed infatti lato mare di barche non s ne vede sulla strada in questione..

    Vogliamo parlare anche di tutta la litoranea della Consolare Pompea che ormai non si riesce quasi più a vedere il mare ? Lidi/baracche piazzati li estate e inverno ed il numero cresce ogni anno !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *