La cooperativa “Azione Sociale” senza stipendio da sette mesi. L’assessore Eller: “Verificherò cosa è accaduto”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

“Non veniamo pagati da sette mesi”. Queste le prime parole di un folto gruppo di volontari della cooperativa Azione Sociale, che opera nel settore dei servizi sociali, e che questa mattina è giunto a Palazzo Zanca chiedendo chiarimenti all’assessore Eller, appena uscito dall’aula consiliare.

Seppur in modo pacifico, i lavoratori della cooperativa hanno espresso la totale delusione verso l’immobilismo in cui si trova l’amministrazione rispetto ai mancati pagamenti.

“Siamo per l’ennesima volta in una situazione critica con gli stipendi – ha affermato il responsabile di Azione Sociale, Claudio Aloisi -, così come è stato prima dell’approvazione del bilancio. Siamo venuti oggi a Palazzo Zanca, più che per protestare, per chiedere chiarimenti ai dirigenti, agli assessori, ai tecnici. Vogliamo capire come mai queste fatture dei pagamenti restano ferme sulle scrivanie per mesi e mesi. Queste fatture sono state presentate, ma il problema è che passano dai due ai tre mesi per il loro vaglio. Siamo sette mesi sotto. Con questo ritardo accumulato, non riusciremo mai ad arrivare in pari con i pagamenti. Siamo fermi a dicembre 2015”.

Una situazione insostenibile per il lavoratori della cooperativa, che hanno raggiunto l’assessore Eller a Palazzo Zanca. “L’assessore si è assunto l’impegno di controllare e verificare dove stia il problema, promettendoci di darci risposta entro 24 ore”.

Dopo la commissione consiliare di questa mattina sui conti di Palazzo Zanca, l’assessore al bilancio si è imbattuto, quindi, in un gruppo deluso di lavoratori. Sembra che tutto stia, irreversibilmente, franando a poco a poco e bisogna fare al più presto, nonostante i tempi non siano ragionevoli.

Così, uno dei manifestanti della cooperativa: “Non basta più sapere che la colpa è di coloro che c’erano prima. Perché non scaviamo bene in profondità per cercare i nomi, finalmente, di chi ci ha portati a questo punto? Non possiamo più farci bastare lo slogan che la colpa non è degli attuali amministratori. Noi vogliamo i responsabili”.

Simone Bertuccio

 

 

 

(770)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.