La clinica Cristo Re dovrà reintegrare un medico anestesista. A deciderlo il giudice

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Il giudice del Lavoro Alberto Pavan, ha condannato la Casa di Cura Cristo Re al reintegro nel posto di lavoro di un medico responsabile anestesista . Il medico  aveva ricevuto il preavviso di licenziamento il 31 dicembre 2015, per volontà aziendale di recedere ad nutum per motivi economici e organizzativi. Lo ha annunciato la Fp Cgil.

“Non possiamo fare a meno di esprimere la nostra soddisfazione –dichiarano Clara Crocè SegrGenerale  e Guglielmo Catalioto e i coordinatori della Sanità pubblica e privata Antonio Trino e Giuseppe Nava – .  Il Giudice ha accertato l’illegittimità del licenziamento in violazione dell’art. 18 VII comma, della legge 300/1970 statuto dei lavoratori . La Casa di Cura Cristo Re, oltre a reintegro del medico anestesista, è stata condannata al versamento dell’indennità risarcitoria commisurata all’ultima retribuzione globale di fatto , al versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali e alla refusione in favore del medico della somma di 789,99 .

Se la Casa di Cura Cristo Re , avesse ascoltato le istante da noi pervenute – precisa il sindacato –  avrebbe evitato la condanna e  le risorse economiche (quelle del processo) potevano essere  impiegate a favore dei lavoratori e a vantaggio degli utenti. Piuttosto  che sprecarle in nome di un risparmio che, probabilmente, si vuole fare solo tagliando diritti e posti di lavoro”.

(715)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.