Frana Gesso, Anas conferma situazione di pericolo

Via Madonna delle Grazie Gesso 003Dopo l’ultima nota trasmessa il 27 aprile scorso dal consigliere comunale Libero Gioveni che allertava l’Anas di una situazione sempre più al limite in termini  di sicurezza che incombe in località San Nicolò di villaggio Gesso, è giunta la risposta ufficiale e dettagliata dell’Area Tecnica d’Esercizio dell’Ente. A darne notizia è lo stesso consigliere Udc.

“Dalla relazione tecnica emerge certamente un quadro preoccupante – dichiara Gioveni, che tuttavia si dice soddisfatto per l’attenzione che hanno riservato i tecnici Anas al suo grido d’allarme – perché viene dichiarato nel documento che la zona è stata censita nel PAI con pericolosità P3 e rischio R4 e che quindi subisce dei preoccupanti cedimenti verticali rispetto al corpo stradale, anche se non continui, che tuttavia escludono lo scivolamento dello strato superficiale su quello di base, tanto da non far ritenere che possa sussistere nell’area in questione un immediato e grave pericolo. Ciò che l’Anas fa notare allo stesso consigliere è comunque la “competenza”, in quanto, trattandosi di dissesto idrogeologico, l’Ente demanda tutto ai “competenti Uffici Regionali preposti alla salvaguardia dai rischi idrogeologici dell’int
ero territorio siciliano. Anas, infatti,  – spiega l’esponente Udc – si occuperà principalmente di garantire, anche con ispezioni e monitoraggi costanti, le normali condizioni di sicurezza per la circolazione”.

Pertanto – conclude Gioveni – sarebbe certamente opportuno non abbassare la guardia a garanzia della pubblica incolumità; per cui, nel rivolgermi al sindaco Accorinti quale principale responsabile della sicurezza e della salute dei cittadini, non posso non invitarlo a richiedere ai competenti uffici regionali la necessaria e non più procrastinabile attenzione, in termini di risorse e progettualità, per la definitiva messa in sicurezza dell’intera zona, visto che, come emerge sempre dalla relazione dell’Anas, il dissesto idrogeologico non colpisce solo il tratto dell’arteria, ma si estende su tutto il versante fino a fondo valle”.

(127)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *