Ferrovie turistiche, c’è la legge per realizzarle. Garofalo: “Nuovo futuro per l’Alcantara – Randazzo?”

Pubblicato il alle

1' min di lettura

“Soddisfazione per il via libera alla legge che prevede l’istituzione delle ferrovie turistiche. Si tratta di un modo intelligente, un primo step, per contribuire a implementare la promozione e lo sviluppo del turismo e del nostro patrimonio storico-artistico, attraverso il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare di pregio naturalistico o archeologico”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Area popolare, intervenendo in dichiarazione di voto in Aula sulla proposta di legge sulle ferrovie turistiche.

“Diverse sono le realtà siciliane premiate, proprio perché caratterizzate da tracciati ferroviari inseriti in un particolare contesto paesaggistico. Tra queste, la tratta tra Alcantara e Randazzo, tra Agrigento Bassa e Porto Empedocle, Castelvetrano-Porto Palo di Menfi e quella Noto-Pachino. Grazie a questa legge abbiamo creato i presupposti normativi, come già avviene in altri Paesi europei, per favorire nuove occasioni di sviluppo e valorizzare appieno i beni architettonici, paesaggistici, culturali di cui disponiamo, spesso in centri poco conosciuti. Un importante sostegno, anche attraverso la partnership pubblico-privato, per rilanciare il turismo in un comparto fondamentale per la nostra economia”.

 


(77)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.