edificiopericolante

Il Comune avvia la campagna per censire gli edifici con amianto

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Il Comune ha avviato la campagna di censimento degli edifici che presentano parti in amianto, ai fini dell’elaborazione del Piano  previsto dalla nuova normativa regionale. “Il Comune di Messina ha già avviato l’iter – hanno evidenziato stamane in conferenza stampa il sindaco Accorinti e l’assessore all’Ambiente Ialacqua – costituendo con determinazione del Segretario Generale/Direttore Generale n. 138 del 12 maggio 2016, un gruppo di lavoro interdipartimentale composto da 5 unità di personale interno, proveniente dai dipartimenti Manutenzione Immobili Comunali, Edilizia Privata, Assetto al Territorio, Ambiente e Sanità e Tutela del Territorio, con l’obiettivo di giungere alla definizione del Piano comunale amianto nei termini assegnati da ultimo con le modifiche appena introdotte”.

“Sarà importante effettuare, in tempi celeri, – ha aggiunto  Ialacqua – la raccolta delle informazioni minime, previste dall’allegato 1 delle linee guida, per l’acquisizione delle indicazioni relative alla mappatura dei siti comunali interessati dalla presenza di amianto. A questo scopo sono stati affissi su tutto il territorio comunale manifesti, in modo da dare ampia comunicazione, sulla possibilità per la popolazione di potere ottemperare agli obblighi di auto notifica in tempi contenuti, indipendentemente dai nuovi termini introdotti dalla legge regionale n. 8/2016, e ciò per consentire l’elaborazione delle informazioni in tempi sicuri. Tuttavia l’attività finora posta in essere dall’amministrazione comunale è finalizzata a sensibilizzare la popolazione sulle misure volte alla prevenzione e al risanamento ambientale, certi che una larga partecipazione della cittadinanza costituisca la soluzione per un risparmio di risorse e per il successo dello stesso censimento. Stilare il Piano comunale amianto è un passaggio importante, al fine di ottenere i finanziamenti regionali necessari per una piena e capillare bonifica del territorio. Fondamentale risulta essere la partecipazione dei cittadini, sia di coloro che posseggono manufatti in amianto, sia di coloro che, anche in maniera volontaria ed anonima, volessero contribuire a fornire informazioni utili per una fotografia quanto più realistica della situazione del territorio”.

L’elaborazione corretta delle informazioni di auto notifica costituisce il dato di partenza su cui costruire il Piano comunale amianto, in accordo con il Decreto Ministeriale n. 101/2003 secondo cui il censimento, ovvero, l’individuazione e la determinazione dei siti caratterizzati dalla presenza di amianto nell’ambiente naturale o costruito rappresenta la prima fase della mappatura che, attraverso una seconda fase di elaborazione dei dati pervenuti, dovrà evidenziare, fra i siti individuati nella prima fase, quelli con necessità di bonifica urgente. Acquisiti i dati del censimento il piano dovrà prevedere, come terzo obiettivo, la stesura di un programma di interventi finalizzato a rimozione, trasporto, stoccaggio e conferimento all’impianto regionale di trasformazione di cui all’art. 14 della legge regionale n. 10/14, dei materiali contenenti amianto, secondo delle priorità di intervento, determinate dalla pericolosità del sito, che viene stabilita attraverso la compilazione della scheda “allegato 1” alla D.D.G. n. 59 del 17.03.2016 del dipartimento Regionale della Protezione Civile (circolare 9 maggio 2016 pubblicata sulla GURS n. 23 del 27.05.2016). Il programma degli interventi dovrà essere inviato all’ufficio Amianto della Regione e potrà essere finanziato ai sensi dell’art. 10 della citata legge regionale 10/2014. Le attività di censimento potranno essere effettuate anche attraverso le segnalazioni via web da parte dei singoli cittadini o delle associazioni di volontariato.

Il modulo di auto notifica potrà essere redatto, utilizzando il form di registrazione presente sul sito www.comune.messina.it e srvwebced.comune.messina.it/Sito_Comune_Messina_Amianto/, elaborato dal dirigente del dipartimento Ambiente e Sanità, Domenico Signorelli. Gli utenti, che non hanno la possibilità di accedere ad internet, possono richiedere la scheda di segnalazione circa l’eventuale presenza di amianto, compilarla e spedirla, anche in forma anonima, a mezzo posta all’indirizzo: Comune di Messina – dipartimento Ambiente e Sanità – Via Argentieri, 4 – 98122 Messina. Venerdì 16 dicembre, dalle ore 14.30 alle 19.30, si terrà nel salone delle Bandiere a palazzo Zanca, un seminario tecnico sulle norme per la tutela della salute e del territorio dai rischi derivanti dall’amianto.

(154)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.