Acr Messina, Lucarelli sull’Andria: “Tipica squadra da Lega Pro, servirà calma olimpica”

lucarelliDopo la buona prova ottenuta contro il Matera, il Messina vuole sfruttare il secondo impegno casalingo consecutivo, per conquistare altri tre punti che farebbero fare un sostanzioso balzo in avanti in classifica. Cristiano Lucarelli, che da quando siede sulla panchina peloritana ha ottenuto solo risultati positivi, però non si fida della Fidelis Andria, che è reduce da tre pareggi consecutivi lontano dal “Degli Ulivi”.

Il tecnico livornese non vuole cali di tensione, durante la settimana ha battuto molto sull’aspetto psicologico di un gruppo che non può sedersi sugli allori, credendo di aver già messo dietro le spalle ogni difficoltà: “E’ un’occasione importante, ma sarà una partita molto difficile. L’Andria è secondo me l’emblema della classica squadra del girone C. Ha le caratteristiche necessarie per lottare in questo raggruppamento, inoltre l’allenatore lo conosco bene. Favarin è un uomo di campo, attento ai particolari. L’Andria non ha mai vinto fuori casa? Nelle ultime tre trasferte ha comunque portato sempre punti a casa e non dimentichiamo che ci precede in classifica. In questo momento ci serve trovare la continuità di risultati. Sarà una gara difficile come tutte. Si passa magari da sfide di cartello contro avversarie che lottano per vincere il campionato ad autentiche battaglie come lo sarà quella con l’Andria. Questo girone lascia pochi margini per pensare che qualche gara possa essere più facile di un’altra. Dovremo cercare di fare la partita stando attenti a non scoprirci per non esporci alle loro ripartenze. Servirà grande equilibrio, è una sfida dai tanti punti interrogativi. Questa settimana ho sentito parlare poco dell’Andria, ma di trattative e campi. Invece il nostro prossimo avversario ha più punti di noi in classifica”.

L’allenamento di ieri non ha portato buone notizie a Lucarelli, Maccarrone si è dovuto fermare di nuovo  e lunedì sarà sottoposto ad esami, mentre anche la presenza di Mancini è in forte dubbio. Molte delle scelte dipenderanno dal terreno di gioco, che potrebbe essere condizionato dalla pioggia, in quel caso spazio ad una formazione più muscolare: “Nell’allenamento di venerdì abbiamo perso Maccarrone per un infortunio muscolare e anche Mancini non sta benissimo. Ha perso dei chili a causa della celiachia, una situazione che va monitorata. Facendo una rotazione intelligente abbiamo ottenuto dei risultati, ma penso che lo pagheremo a livello di condizione fisica. E non ha colpa nemmeno il precedente allenatore, Marra, il quale ha pure lui lavorato con dei giocatori che non hanno svolto un’adeguata preparazione. Avremo l’incognita campo che anche stamattina si presentava in condizioni difficili. Spero almeno che non piova più. Per caratteristiche dei giocatori ci mancano dei chili per fare un calcio diverso. Dovremo avere una calma olimpica, la gara si potrà risolvere anche gli ultimi minuti. Bisognerà essere compatti e mantenere le distanze, servirà il solito lavoro di sacrificio ai nostri attaccanti per aiutare il centrocampo dato che loro giocano solitamente con il 3-5-2”.

Nell’ultima settimana è anche scoppiato il problema inerente al terreno di gioco del “Franco Scoglio”, particolarmente usurato vista anche la presenza del Pistunina, da qui l’appello del tecnico: “La maglia e gli interessi della squadra devono unire tutti. Faccio un appello, se qualche privato, anche in provincia, ha un campo e può consentirci di far riposare per almeno un mese il San Filippo… Mi piace vedere le mie squadre giocare a calcio, ma così è difficile. Pensiamo a come sarà domani dopo l’anticipo di oggi del Pistunina. Il problema è comunque legato agli allenamenti, ho già parlato col presidente ed è previsto un investimento per migliorare il campo, ma ci serve un terreno con un manto erboso che si avvicini alle esigenze di una squadra di Serie C e possa consentirci di lavorare almeno per un mese”.

(104)

Categorie

Primo piano, Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *