biostabilizzatore-pace

Blocco impianto di Pace. Cgil: “A rischio progetto Amam. Preoccupazione per i lavoratori”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

“Lo stop alla realizzazione dell’impianto di Pace al di là della opinione di ciascuno sullo stesso, rimette in discussione tutto il progetto del ciclo dei rifiuti immaginato, proposto e tradotto in atti amministrativi dall’assessore Ialacqua e da tutta l’Amministrazione Accorinti”, questa la dichiarazione del segretario generale della Cgil Messina, Lillo Oceano.

“Il progetto contenuto nel piano Aro- spiega Oceano -, che già presentava molti punti interrogativi, senza l’impianto di Pace diventa semplicemente insostenibile e con esso perde di credibilità anche il piano economico posto a base della cosiddetta “Nuova Amam”, che dovrebbe occuparsi di servizi idrici e ciclo rifiuti ed eventualmente anche l’ipotesi di una nuova società multiservizi. Nel frattempo da più parti vengono avanzati dubbi sulla capacità dell’Amam (sia nella vecchia che a maggior ragione nella nuova versione) di reggere il peso economico e finanziario di società che eroga servizi e contemporaneamente finanzia generosamente il pagamento dei debiti pregressi attraverso il piano di riequilibrio. Esprimere la nostra preoccupazione diventa, pertanto, un dovere: se non si costruisce bene il futuro del servizio idrico e quello del ciclo dei rifiuti, rischiamo di ritrovarci con la città in ginocchio e mettere a serio rischio il futuro di oltre 600 lavoratori. Una città come Messina – aggiunge il segretario Cgil – ha bisogno di servizi efficienti, ben organizzati, economicamente solidi, di strutture societarie che diventano una opportunità di sviluppo e di crescita e non dei carrozzoni. Purtroppo in passato, per diverse ragioni, non è stato così. Tuttavia temiamo che, pur con le migliori intenzioni, le ipotesi messe in campo non abbiano quelle caratteristiche. Pensiamo sia necessario fare nuovamente il punto e verificare, laicamente, se le ipotesi immaginate siano, alla luce delle difficoltà incontrate, ancora percorribili, oppure se non sia necessario correggere quel progetto con nuove e più idonee ipotesi”.

Il segretario Cgil sollecita all’Amministrazione un confronto immediato sia sul “progetto” complessivo che sulle misure urgenti per garantire la continuità occupazionale: “In tal senso chiediamo all’Amministrazione Accorinti, insieme a tutte le misure necessarie a garantire nell’immediato i lavoratori di Ato e Messinambiente, un confronto immediato, ampio e aperto per ricercare e condividere soluzioni capaci di assicurare servizi efficienti, garantire i lavoratori, ridurre i costi a carico dei cittadini”.

(222)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.