Filarmonica Laudamo. Al MuMe di Messina arriva il Francesco Cusa Trio

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Questa sera alle ore 21, al Museo Regionale di Messina, per la 100ª stagione della Filarmonica Laudamo, all’interno della rassegna “Restate al MuMe”, protagonista il Francesco Cusa Trio in “Omaggio a Gianni Lenoci”, con Francesco Cusa batteria, Tonino Miano pianoforte e Riccardo Grosso contrabbasso.

Il concerto è un tributo a Gianni Lenoci, pianista e compositore scomparso due anni fa, che ha lasciato un grande vuoto nel mondo della musica in Italia. Esempio di musicista e pensatore, fu docente di jazz presso il Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli dal 1990. Diplomato in pianoforte a Santa Cecilia e in musica elettronica al Conservatorio di Bari, aveva studiato con Mal Waldron e Paul Bley. Anche composizione con Giacomo Manzoni, è stato fra i musicisti jazz italiani che ha ottenuto più riconoscimenti all’estero (in Germania, Francia, Stati Uniti).

Francesco Cusa è stato uno dei musicisti che più di tutti ha collaborato strettamente con lui, in una grande empatia musicale e umana. Lenoci è stato anche il pianista del suo ultimo CD. «Ho deciso di dedicare a lui il titolo di questo mio ultimo lavoro: “The Uncle”. Così tutti lo chiamavamo, nella ristretta cerchia di amici. Originariamente il cd aveva come titolo quello di “Giano Bifronte”, ma dopo la scomparsa di Gianni Lenoci ho deciso di tenerlo come sottotitolo. La sua musica ci accompagnerà sempre».

Insieme a Cusa, il pianista Tonino Miano, che ha operato a New York per decenni, considerato fra i nomi di punta del pianismo d’avanguardia della metropoli americana. Con loro il contrabbassista Riccardo Grosso, fra i giovani grandi  talenti della scena jazz italiana.

Francesco Cusa

Francesco Cusa (Catania,1966), batterista, compositore, scrittore, si laurea al DAMS nel 1994 con la tesi: “Gli elementi extramusicali nella performance jazzistica”. A Bologna collabora con Fabrizio Puglisi, Domenico Caliri, Paolo Fresu, e fonda il collettivo “Bassesfere”. Fonda assieme a Paolo Sorge e Carlo Natoli il progetto artistico “Improvvisatore Involontario”. Attualmente è leader di più formazioni fra cui l’FCT Trio, il Francesco Cusa & the Assassins, e dell’ensemble: Naked Musicians, in cui adotta un metodo di conduction musicale da cui è stato tratto un libro di teoria musicale. Suona in tutta Europa, in Etiopia e negli USA.

Da alcuni anni alterna con grande successo la professione del musicista a quella dello scrittore di racconti, romanzi, aforismi e poesie.

Attualmente insegna batteria jazz al Conservatorio di Reggio Calabria. La sua voce è presente nel “Dizionario del Jazz Italiano” a cura di Flavio Caprera.

Tonino Maiano

Tonino Maiano (Messina 1967), diplomato in pianoforte col massimo dei voti all’Istituto V. Bellini di Caltanissetta, si laurea al DAMS nel 1993. Nello stesso anno si trasferisce a New York dove risiede per i successivi 27 anni.  Le sue collaborazioni includono tra gli altri Jim Pugliese, Tim Rowe. Blaise Siwula, Jaap Blonk, Brian Groder, Dinu Ghezzo, Mirio Cosottini, Edoardo Marraffa, Domenico Caliri.

Nel 2013 è fra i migliori talenti per la rivista Musica Jazz e nel 2015 porta a termine la stesura di Non-Tonal Tecnical Studies for Piano, un metodo di tecnica pianistica definito dall’International Piano Magazine: “stellare e unico; innovativo e affascinante”.

Risiede ora a Catania dove continua la sua attivita’ di ricerca, insegnamento e performance.

Riccardo Grosso

Riccardo Grosso contrabbassista. si trasferisce a Roma in giovane età per frequentare il “Saint Louis College of Music”, studiando con Marco Siniscalco e Gianfranco Gullotto.

Continua gli studi con Massimo Moriconi e Andrea Avena e partecipa a seminari e stage con Roy Hargrove, Stefano Bollani, Luca Bulgarelli, Enrico Pieranunzi, Amen Seleem.

Nonostante la giovane età, vanta un notevole numero di collaborazioni, fra cui con Michel Moore, Stjepko Gut, Stefano Di Battista, Fernando Alba, Seby Burgio, Carlo Cattano, Francesco Cusa, Rosario Di Leo, Paolo Sorge, Andrea Beneventano, Fabrizio Puglisi, Bernardo Guerra.

 

Prossimo concerto in stagione per la Filarmonica Laudamo:

Museo Regionale di Messina, sabato 4 settembre 2021, ore 21

FRANCESCO BONACCORSO voce recitante

ANTONIO FRAZZONI pianoforte

«Novecento» di Alessandro Baricco

video di Paolo Roberto Santo e Francesca Cutropia

musiche di Ennio Morricone, Jelly Roll Morton, Scott Joplin, Antonio Frazzoni

(88)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.