expo oliveri 2022 Carrettino siciliano con band I Spizzicusi di spalle

Artigianato, divertimento e buon cibo da tutta Italia: si chiude l’Expo Oliveri 2022

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Si è chiuso l’Expo Oliveri 2022 che dall’1 al 31 agosto ha animato l’estate del piccolo Comune della provincia di Messina offrendo a cittadini e turisti buon cibo, prodotti tipici enogastronomici e artigianali e, soprattutto, tanto divertimento per tutta la famiglia. Gli espositori, ognuno con le proprie peculiarità hanno portato un pizzico del proprio luogo d’origine, dalla Lombardia alla Sicilia, passando per la Campania e la Calabria. Già confermata l’edizione 2023.

Si è svolta dall’1 al 31 agosto la 17esima edizione dell’Expo di Oliveri, evento gestito da Eurofiere e patrocinato dal Comune di Oliveri e dall’Assessorato Regionale alle Attività Produttive. Patrocini confermati anche per la 18esima edizione che si terrà nel 2023.

Tra i partecipanti la convocazione di esercenti e produttori è stata realizzata seguendo i criteri qualitativi sia per la creatività della casa, dei giardini e dello stile anche nell’abbigliamento sia per appagare languori o sfizi nei percorsi culinari tra Street food e cibi più delicati e ricercati per esempio tra le attività di conserve, marmellate e creme spalmabili. I tagli di carne messinese si sono mischiati allo stand della porchetta di Ariccia, tutto servito in panini corposi da mangiare voracemente e concludere con il dessert a base di pistacchio di Bronte o con la frutta secca dei fratelli di Castroreale.

Tra Palermo, Adrano (CT) ed Enna il passo è breve, se si voleva optare per l’aperitivo a base di melagrana abbinato alle olive o per farsi la bocca dolce con le creme di nocciola e cioccolato bianco. Gli artisti ceramisti o i loro venditori di tipiche opere che vengono richieste e distribuite a livello internazionale o ancora l’artista del marmo con preziosi soprammobili hanno incorniciato la maestria del comprensorio peloritano e della provincia catanese. Ma non dimentichiamo la Calabria con i prodotti di salumificio piccanti, la Campania con i gioielli in corallo e la Lombardia con altri monili e incisioni. Ognuno con la sua esperienza e formazione ha elargito un pizzico di paese, di famiglia, di fatica, di tradizione e di cultura. Anche chi ha equipaggiato la zona dei divertimenti per bambini e giovani si è accattivato qualche corsa in più nella pista di Drift Kart o sulle vespine.

Si prospettano per l’edizione del prossimo anno novità riguardanti sia le evoluzioni aziendali che si inquadreranno mediante studi ed indagini di mercato sia la nobilitazione di chi coltiva e tutela la terra di appartenenza. Maggiori informazioni e tutti gli aggiornamenti sulla prossima edizione sono consultabili sul sito ufficiale e sulla pagina Facebook dell’Expo di Oliveri.

(76)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.