buccheri

Tra storia e mito: alla scoperta di Buccheri, l’Oasi del Benessere degli Iblei

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Paese antichissimo, inserito nel circuito dei Borghi più belli d’Italia, situato in provincia di Siracusa a circa due ore da Messina: il luogo da scoprire questo weekend è Buccheri, “Oasi del Benessere degli Iblei”, territorio ad alta vocazione turistica, dove è possibile ammirare, tra le altre cose, i resti di una chiesa medievale scavata in una grotta.

Torna l’appuntamento con la Newsletter di Normanno.com, che ti racconta cos’è successo a Messina nell’ultima settimana, ti consiglia gli eventi imperdibili del fine settimana e un borgo da scoprire per una gita fuori porta durante il weekend. Ogni due settimane selezioniamo per voi una località più o meno conosciuta a un massimo di due ore di macchina dalla città dello Stretto, con qualche dritta su cosa vedere e cosa mangiare. Oggi è il turno di Buccheri, provincia di Siracusa, a 2 ore e 6 minuti da Messina (sì, abbiamo sforato di qualche minuto, ma ne vale la pena).

Dopo avervi raccontato un po’ di San Marco d’Alunzio, eccoci a scoprire qualcosa in più su Buccheri.  È il comune più alto del siracusano, situato a 800 metri, sulle pendici del Monte Lauro e conta 1.746 abitanti. Le origini del nome sono incerte, ma il riferimento principale è al pascolo dei bovini (in francese antico bouchier significa “macellaio”). La zona abitata più alta del borgo ricade nel centro storico del Castello, di cui è tuttora possibile ammirare i resti, ed è costituita da piccole case costruite attorno alla struttura. Il territorio è ricco di testimonianze archeologiche che ci danno la misura di quanto sia antico il primo insediamento. Passando dalla storia al mito, si narra che il pastore Dafni – figlio della ninfa Dafnide e di Hermes, messaggero degli dei – portasse proprio a Buccheri i propri animali a pascolare, accompagnandoli suonando il flauto. Perché è definita “Oasi del benessere”? Per la qualità dell’aria, lo stretto contatto con la natura.

buccheri

Cosa vedere a Buccheri? Va da sé, sicuramente la grotta di San Nicola, al cui interno è scavata una chiesa medievale ricoperta di affreschi le cui tracce sono ancora in parte visibili; la Fontana dei Quattro Canali, in pietra lavica, risalente al XVI secolo e tuttora attiva; la Chiesa di S. Andrea, edificata nel 1225 in stile gotico; il Santuario della Madonna delle Grazie. Infine, di grande interesse sono le 24 neviere sparse per il paese. Di cosa si tratta? Di strutture rettangolari solitamente lunghe circa 10 metri e larghe all’incirca 6, al cui interno veniva accumulata la neve, che si conservava durante l’inverso creando una sorta di frigorifero per mantenere freddi cibi e bevande durante l’estate.

Cosa fare e cosa mangiare a Buccheri? Buccheri, ci informa la piattaforma dei Borghi più belli d’Italia, ha il complesso boscato più ampio della Provincia di Siracusa e quattro aree attrezzate, dislocate lungo un affascinante sentiero panoramico. Per quel che riguarda, invece, il settore enogastronomico, cominciamo col dire che Buccheri è stato nominato  “Miglior Destinazione Culinaria nel Mondo“ dalla World Food Travel Association. Tra i prodotti tipici si segnala l’olio extravergine (nel 2015 il borgo è stato nominato “Capitale Mondiale dell’Olio Extravergine di qualità” al concorso internazionale Sol D’Oro di Verona Fiere); i “Funciddhi”, dolci a forma di fungo fatti con frutta secca (noci, nocciole, mandorle), moscato o marsala, uova, zucchero e bucce di mandarino tritate; le Olive a Puddhasceddha di Buccheri, addolcite, schiacciate, disossate e condite con aglio, menta fresca, aceto di vino e olio extravergina d’oliva.

 

 

(433)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.