lirica tao

Taormina scommette sulla qualità: presentata stagione di lirica e balletto

Pubblicato il alle

5' min di lettura

lirica taocastiglioneNello splendido scenario dello storico hotel Timeo di Taormina si è tenuta ieri la conferenza stampa di presentazione della stagione lirica e del balletto di uno dei festival musicali di maggior rilievo a livello internazionale: quello del Teatro Antico della Perla dello Jonio. Una delle grandi novità di quest’anno consiste in un prolungamento della stagione operistica che si chiuderà, con l’ultimo spettacolo, il 9 Settembre (un mese strategico per l’affluenza turistica). Ad esporre le linee guida che caratterizzeranno la stagione: Caterina Rita Andò, ufficio stampa; Enrico Castiglione, regista e scenografo; Daniele Ficola, direttore dell’Orchestra Bellini di Palermo.

Caterina Andò ha introdotto rimarcando l’enorme attrattiva che l’appuntamento rappresenta soprattutto grazie alla presenza e al lavoro serio e altamente qualificato di Castiglione,  legato da quella che viene definita “una lunga storia d’arte e d’amore con il teatro Antico di Taormina”, che con i suoi allestimenti conquista un pubblico sempre più cosmopolita — preponderante la presenza di francesi, spagnoli, russi. Si registra anche la partecipazione di piccoli gruppi di giapponesi e canadesi. Parlano i numeri delle vendite e il tutto esaurito degli alberghi della Città del Centauro, proprio in occasione della programmazione degli spettacoli operistici.

Il regista e scenografo Castiglione ha subito ricordato come per il terzo anno consecutivo Rigoletto, l’opera che inaugurerà la stagione musicale, andrà in onda in diretta Rai e come le riprese live dell’evento richiederanno un grande sforzo produttivo. Un’opportunità, questa, che non va sottovalutata soprattutto se si considera — sottolinea il regista e scenografo — che è un privilegio riservato per la stagione invernale alla Scala e quella estiva a Taormina. La collaborazione con la Rai segue il grande successo che lo scorso anno riscosse la Norma, trasmessa si Rai 5; l’opera registrò un vero e proprio record di ascolti nell’ambito della programmazione della lirica.

Sarà la volta poi di Cavalleria Rusticana e Pagliacci, le altre due grandi opere in programma, trasmesse sempre sulla rete nazionale ma in differita. Rinnovato anche l’accordo con le sale cinematografiche, ben 500, che garantiranno un’ampia diffusione, rendendo gli spettacoli fruibili anche a un “pubblico cinematografico”. Castiglione ha vantato il cast di grande spessore della kermesse taorminese, conteso con altri festival e con l’Arena di Verona, e ricordato l’esclusività del taglio delle produzioni di Taormina.

Tra i tanti protagonisti di eccezionale talento anche i ruoli di comprimariato si avvarranno di importanti collaborazioni, all’altezza di una macchina organizzativa ben avviata che scommette sulla qualità. «Rigoletto quest’anno è stato molto inflazionato — ha detto Castiglione — ma ciò che contraddistingue la messa in scena di Taormina è proprio il cast di assoluta qualità». L’Orchestra Sinfonica Bellini di Palermo diretta da Daniele Ficola si esibirà proprio in Rigoletto: «Abbiamo risposto con grande entusiasmo — spiega  il maestro Ficola — all’invito rivoltoci per partecipare a una produzione del genere, molto prestigiosa». Per Cavalleria Rusticana e Pagliacci ad eseguire le musiche sarà invece l’Orchestra Sinfonica del Festival Euromediterraneo, composta da musicisti in grande prevalenza siciliani, interpellati per chiamata diretta. Non mancherà neanche il “Coro Lirico Siciliano” diretto da Francesco Costa. La stagione del Teatro Antico però non sarà solo lirica ma anche balletti — con un cast di grandi stelle tra le quali l’étoile  Eleonora Abbagnato — e concerti.

Castiglione ha ricordato, inoltre, come, dal punto di vista finanziario, il Festival di Taormina si regga sulle proprie gambe senza l’ausilio di aiuti economici da parte della Regione e del Ministero: «È una situazione unica in Italia — ha detto —, a non ricevere neanche un euro di finanziamento pubblico. Per il 75% si sostiene con gli incassi dei biglietti». A questi si aggiunge anche il ricavato dei diritti televisivi e della vendita dei biglietti dei cinema. Non ricevere finanziamenti pubblici — ci ha tenuto a ribadire — non compromette però la qualità della programmazione che invece si caratterizza per essere «come sempre competitiva». Tra le altre novità: uno sconto sui biglietti fino al 30 Giugno; la sponsorizzazione tecnica con Alitalia — dal 1˚ Settembre per un anno gli spettacoli di Taormina  verranno trasmessi a bordo dei loro voli —, che non prevede finanziamenti ma ha un’importante eco pubblicitaria; l’annuncio, prima di ferragosto, del programma della stagione 2014.

In chiusura, l’intervento in diretta telefonica del Presidente della Provincia Nanni Ricevuto, assente per il taglio del nastro all’inaugurazione del Palazzetto dello Sport di Villafranca.

Giusy Gerace

(116)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.