Messina, assegnato il Fondo Unico per lo Spettacolo: ecco chi riceverà i contributi

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Era l’11 febbraio 2022 quando Dario Franceschini, Ministro della Cultura, attraverso Accordi di programma stipulati dalla Direzione Generale dello Spettacolo con i Comuni, aveva messo a sistema oltre 3,6 milioni di euro in favore delle città metropolitane di Messina, Catania e Palermo. «Musica, danza, teatro, performance e concerti – aveva detto Franceschini – guideranno la ripartenza che ci aspettiamo per questa primavera, che sarà all’insegna dell’arte e dello spettacolo». Adesso è arrivata la graduatoria definitiva delle associazioni di Messina a cui sono state assegnate le risorse del Fondo Unico per lo Spettacolo (FUS), che saranno utilizzate per sostenere attività di spettacolo dal vivo nelle aree periferiche delle città sulla base di progetti selezionati tramite bando pubblico predisposto dai Comuni.

La ripartizione delle risorse per le tre Città metropolitane siciliane era così suddivisa:

  • Messina 1.005.067 €
  • Catania 1.107.117 €
  • Palermo 1.548.567 €

Fondo Unico per lo Spettacolo

Lo scorso 27 maggio, quindi, è stato sottoscritto un Accordo di Programma tra il Ministero della Cultura Direzione generale Spettacolo e la Città di Messina per il sostegno di attività di spettacolo dal vivo nelle aree periferiche della città metropolitana. «Le risorse – aveva detto l’ex Commissario Leonardo Santoro –  si inseriscono in una politica generale della Città di Messina di riaffermazione della centralità della cultura quale valore pubblico da sostenere, preservare e rendere accessibile a tutti come fattore di coesione sociale ed importante leva di promozione e sviluppo economico».

Ecco chi, a Messina, riceverà le risorse del Fondo Unico per lo Spettacolo:

  • DAF – Associazione culturale: con il progetto “Periferie artistiche”; importo assegnato € 105.000.
  • Associazione artistica Mana Chuma ETS: con il progetto “Epic – progetto multimediale”; importo assegnato € 105.000.
  • Accademia Filarmonica di Messina: con il progetto “Musica al centro”; importo assegnato € 105.000.
  • Nutrimenti terrestri: con il progetto “Da Nord a Sud”; importo assegnato € 90 000.

Insieme a questi, altri contributi sono stati ripartiti, per un totale ciascuno di 30mila euro, a progetti culturali che si svilupperanno nelle sei circoscrizioni di Messina. A questo link l’elenco completo.

(In foto uno spettacolo della DAF)

(346)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.