Si apre oggi la stagione estiva al Monte di Pietà: in scena “Maratona Pinocchio”

Maratona-Pinocchio-300x300I giovanissimi e numerosissimi del laboratorio teatrale “Nel Paese dei Balocchi”, dopo gli esperimenti riusciti Istinto, Solitudine, Inganno e Amore andati in scena alla Sala Laudamo, si ritroveranno in un quinto spettacolo, una quinta “stanza” Maratona Pinocchio, una drammaturgia di Angelo Campolo, per una regia collettiva che vedrà lo stesso Campolo lavorare con Annibale Pavone, Paride Acacia, Giacomo Ferraù e Giulia Viana,con la collaborazione di Sarah Lanza ai movimenti scenici e Giulia Drogo alle scene e costumi.

Da oggi, 17 luglio, fino al 19 luglio, e poi ancora dal 24 al 26 luglio, alle 21.30, nella suggestiva cornice del Monte di Pietà di Messina, Maratona Pinocchio inaugurerà la stagione estiva del Teatro Vittorio Emanuele.

Lo spettacolo, modulato in quattro capitoli, che ripercorrono le quattro tappe della nostra esistenza, avrà al centro le avventure di Pinocchio, il burattino di legno che ci insegna come si diventa uomini. Tutto il gruppo del laboratorio “Nel Paese dei Balocchi” è Pinocchio, tutto il gruppo anela alla metamorfosi ontologica che li condurrà ad essere veri uomini, in carne ed ossa: da corpi incontrollabili, dall’istinto villano, sfacciato e senza pietà ad anime bugiarde, forgiate nel segno della menzogna, figli ribelli, figli che abbandonano il padre – Geppetto, interpretato da Simone Corso -, ingannatori, Gatti e Volpi, Lucignoli. La loro umanità sarà raggiunta solo attraverso l’amore, sentimento unico e puro che renderà i burattini liberi dai loro abiti vecchi ed ingombranti,arrivando a pensare: “com’ero buffo quand’ero un burattino”.

NOTE DI REGIA:

“Maratona Pinocchio è un azzardo. Un incontro teatrale, in uno spazio diverso come il Monte di Pietà, in cui provare a costruire una possibile “sintesi” dell’intero viaggio intrapreso dal nostro “burattino”. Un possibile dialogo con ciò che resta del mondo dei padri per provare a superare limiti e difficoltà del nostro presente, guardando con occhi nuovi il nostro domani” (Angelo Campolo)

“Maratona Pinocchio è il tentativo di fondere insieme, in uno spazio diverso dalla Laudamo, alcuni momenti dei quattro spettacoli di quest’anno, legati da un filo rosso, ma così diversi l’uno dall’altro. Vuole essere una festa per tutti i ragazzi e per coloro che in modo diverso hanno contribuito ad un lavoro che, cominciato al Monte di Pietà 5 estati fa e sviluppatosi poi in modo entusiasmante, al Monte conclude oggi un ciclo preparandosi a nuove direzioni e cambiamenti” (Annibale Pavone)

“Ho voluto trattare temi a carattere universale poiché la favola di Pinocchio ha già dentro di sé un simbolismo ermetico massonico ben preciso e determinato.La messa in scena ha cercato di coniugare intrattenimento e riflessione, poiché il viaggio della vita di Pinocchio tra mille avventure divertenti rimane un esempio massimo di processo di individuazione, conoscere se stessi tramutarsi da burattini di legno a bambini in carne ed ossa” (Paride Acacia)

“Sarà una grande emozione vedere come i ragazzi si troveranno a racchiudere in un’ora la loro straordinaria esperienza di confronto e di crescita che li ha visti protagonisti questo anno. Un commiato che sarà per loro trampolino dorato per altri lidi o una meravigliosa porta di ingresso per altre avventure nella loro terra. Felici e onorati di assisterli e dirigerli insieme ad Angelo Campolo, Paride Acacia, Annibale Pavone, con l’aiuto di Sarah Lanza e Giulia Drogo”. (Giacomo Ferraùe Giulia Viana)

 

I biglietti sono in vendita presso il botteghino del Teatro Vittorio Emanuele.

(347)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *