In Sicilia arriva la “Giornata dei Beni Culturali”, in memoria di Sebastiano Tusa

Il 10 marzo – con la “Giornata dei Beni Culturali” – appena istituita dalla Regione Sicilia, diventa un momento per ricordare Sebastiano Tusa scomparso proprio il 10 marzo 2019 nell’incidente aereo del volo Ethiopian Airlines 302, partito da Addis Abeba e diretto a Nairobi.

Un anno dopo, l’archeologo, politico e accademico italiano Tusa, verrà così celebrato con la “Giornata dei Beni Culturali” decisa dal giovernatore Nello Musumeci.

L’arte per ricordare – Giornata dei Beni Culturali in Sicilia

Probabilmente non c’è modo migliore di ricordare Sebastiano Tusa con una “Giornata dei Beni Culturali” in tutta la Sicilia. A deciderlo la Regione Sicilia:

Sebastiano Tusa archeologo di fama internazionale ed esponente autorevole della pubblica amministrazione regionale, è stato un eminente studioso dell’antichità siciliana, con vaste competenze dalla preistoria all’archeologia subacquea, pertanto è un dovere promuovere ogni azione utile alla diffusione della sua eredità scientifica e intellettuale, anche tramite iniziative volte alla fruizione del patrimonio culturale della Regione Siciliana.

Il 10 marzo, quindi, accesso gratuito al patrimonio culturale e artistico della Sicilia.

L’archeologo siciliano

Sebastiano Tusa è scomparso il 10 marzo 2019 nel tragico incidente aereo partito da Addis Abeba e diretto a Nairobi. Tusa avrebbe dovuto prendere parte ad una conferenza internazionale organizzata dall’UNESCO a Malindi

Tusa si specializzò in Archeologia orientale e condusse importanti missioni in Italia, Iran, Pakistan e Iraq. Tra i suoi scavi più importanti quelli condotti a Pantelleria e Mozia. Nel 2004, Sebastiano Tusa ha creato la Soprintendenza del mare. Isituzione che tutela le risorse archeologiche marine della Sicilia, in un’ottica multidisciplinare che associa gli aspetti etnoantropologici e naturalistici a quelli archeologici.

Tra le sue opere:

  • Mozia, Publisicula, 1990
  • Archeologia e storia nei mari di Sicilia, Magnus, 2010
  • Primo Mediterraneo. Meditazioni sul mare più antico della storia, Edizioni di Storia e Studi Sociali, 2016
  • I popoli del Grande Verde. Il Mediterraneo al tempo dei faraoni, Edizioni di Storia e Studi Sociali, 2018

(137)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *