Il Teatro Antico e il Parco Archeologico Naxos Taormina si preparano alla riapertura

teatro antico di taorminaMancano pochissimi giorni alla riapertura – prevista per il 18 maggio – di musei e luoghi culturali, tra i più colpiti – in termini economici – dalla reclusione per il contenimento del contagio da coronavirus.

In vista del 18 maggio, anche il Teatro Antico di Taormina e il Parco Archeologico di Naxos Taormina stanno preparandosi alla riapertura per poter accogliere i visitatori nel rispetto delle misure di distanziamento.

Già dal 4 maggio – giorno in cui è scattata la fatidica fase 2 – sono iniziate le operazioni di sanificazione sia delle aree espositive sia dei reperti ma anche nelle aree di lavoro di custodi e addetti al Parco Archeologico.

«Siamo in attesa – afferma il direttore del Parco, Gabriella Tigano – delle linee guida nazionali e regionali in merito alla gestione in sicurezza dei siti archeologici e dei musei, sugli ingressi contingentati e le distanze. Ma intanto ci stiamo preparando alla riapertura al pubblico prevista per il 18 maggio.»

Teatro Antico e Parco Archeologico Naxos Taormina verso la riapertura

Per trovarsi pronti per il prossimo 18 maggio, data secondo cui si potrà riaprire, il Teatro e il Parco Archeologico Naxos Taormina hanno già inziato i lavori di sanificazione e altre opere di intervento, che riguardano nello specifico:

  • lavori al cosiddetto Ex Semaforo; sul belvedere più alto del promontorio del Teatro, infatti, sorgerà una caffetteria;
  • lavori dell’Enel per lo spostamento della cabina, che libererà dei volumi importanti nell’area retrostante il Teatro destinati a ulteriori servizi igienici per i visitatori;
  •  installazione dei tornelli a fianco delle biglietterie, per distanziare i visitatori ed evitare capannelli all’ingresso.

«Ci stiamo preparando alla riapertura al pubblico prevista per il 18 maggio – spiega la Tigano – in collaborazione con Aditus, la società di servizi aggiuntivi che cura la biglietteria, predisponendo l’acquisto di strumenti per la misurazione della temperatura, di gel igienizzanti e mascherine e proseguendo con la sanificazione degli ambienti comuni fatta anche in questi due mesi di chiusura. L’accesso al Teatro di Taormina e all’area archeologica di Naxos, spazi molto grandi, non porrà significativi problemi di contingentazione, ma per il museo di Naxos e di Isola Bella dovremo prevedere ingressi scaglionati.»

Tra le novità – oltre alle nuove formule di ingresso per i visitatori e alle opportune misure di igiene –  anche abbonamenti a prezzi popolari e destinati anche ai residenti occasionali e visite serali.

 

 

 

 

(133)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *