Il Museo Epicentro di Barcellona vince il bando “10 piccoli musei” di Wikimedia

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Creato nel 1994 da Nino Abate, il Museo Epicentro di Barcellona è un piccolo tesoro che custodisce una grande raccolta internazionale d’arte contemporanea su mattonelle. Non è un caso, quindi, che il Museo Epicentro abbia vinto il bando “10 piccoli musei” lanciato da Wikimedia Italia, Associazione per la diffusione della conoscenza libera (WMI) di promozione sociale che dal 2005 opera nell’ambito della cultura libera.

Erano già stati decretati i primi vincitori del bando, realizzato per sostenere le piccole realtà culturali, durante la prima fase dell’emergenza sanitaria. Adesso Wikimedia considerando la notevole partecipazione da parte delle strutture museali italiane ha voluto estendere il contributo ad altre realtà della Penisola.

Il Museo Epicentro tra i “piccoli musei” di Wikimedia Italia

Adesso il Museo Epicentro potrà usufruire dei fondi di Wikimedia Italia per continuare la propria attività di divulgazione culturale.

«A seguito del grande successo ottenuto con il bando “10 piccoli musei” indetto dalla nostra associazione – scrive Wikimedia – che ha visto l’invio di candidature da parte di quasi 40 enti italiani, abbiamo deciso di estendere il contributo di 2.000 euro offerto da Wikimedia Italia ad altre 9 piccole realtà museali, che abbiamo ritenuto meritevoli sia per la proposta progettuale presentata, sia per l’attinenza alle finalità del bando. Non offriamo solo un contributo economico, comunque prezioso in questo periodo, ma anche un’occasione di mettersi in gioco in un modo nuovo, venendo aiutati dai volontari, e l’opportunità di imparare a contribuire ai progetti Wikimedia».

«Wikimedia Italia – prosegue – vuole ribadire in questo modo la sua vicinanza alle piccole realtà museali italiane, che in questo periodo di profonda crisi del settore culturale sono costrette a tenere chiuse le loro porte. Facilitando la condivisione dei contenuti digitali liberi, li aiuteremo a valorizzare il proprio prezioso patrimonio culturale presso un pubblico più ampio».

Un giro al Museo

Il Museo di Nino Abate documenta le tendenze e i movimenti dell’arte in Italia, dal secondo dopoguerra ai giorni nostri.

Un’ampia sezione del Museo Epicentro è dedicata alla:

  • Fotografia in Italia: in tutti i suoi generi ed aspetti, dal fotogiornalismo alla fotografia sperimentale, dalle opere dei maestri ai talenti emergenti;
  • Ceramica d’arte: con i principali artisti dei maggiori centri di tradizione, Albisola, Faenza, Bassano del Grappa;
  • Mosaico d’arte: rappresentato dalla prestigiosa “Officina del mosaico” di Ravenna;
  • Vetro d’arte: rappresentato dai maestri dell’Arte vetraria di Murano, Venezia.

(104)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.