Nino Frassica

Festival di Sanremo 2022. Da Fiorello a Nino Frassica: i siciliani alla kermesse canora

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ci siamo, domani – martedì 1 febbraio, su RaiUno – arriva la 72esima edizione del Festival di Sanremo, la kermesse canora più famosa d’Italia. Anche se non siete degli appassionati, sarà impossibile non finire nel vortice dei 5 giorni condotti (per la terza volta) da Amadeus. Anche quest’anno sul palco dell’Ariston ci sarà un po’ di Sicilia con il grande mattatore della tv Rosario Fiorello e il messinese Nino Frassica, che in coppia con Raoul Bova, presenterà la nuova stagione di “Don Matteo”. Ma non solo, perché i siciliani saranno anche in gara.

Una delle novità sarà l’unica categoria di musicisti che si alternerà in scena; quindi niente divisione in Big e Nuove Proposte. Venticinque gli “Artisti” che si contendono il premio, tra veterani: Iva Zanicchi, Massimo Ranieri e Gianni Morandi; nuove sonorità: Yuman, Tananai e Giovanni Truppi (conosciuti probabilmente da un pubblico più ristretto); e grandi ritorni: Elisa e Donatella Rettore.

I siciliani a Sanremo

Anche quest’anno la Sicilia vola al Festival di Sanremo. In gara, Giusy Ferreri nata a Palermo (con il pezzo “Miele”) e il duo La Rappresentante di Lista composto da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina; lei è di Viareggio e lui è di Palermo (con il pezzo “Ciao Ciao”). Siciliani anche alcuni ospiti di Casa Sanremo per far conoscere la cucina tipica della nostra Isola; tra pizze di eccellenza e gelati prelibati.

Ma come andrà la gara? Lo chiediamo, come per l’edizione del 2021, al giornalista messinese dell’AGI, Gabriele Fazio che ha avuto modo di ascoltare in anteprima le canzoni in gara. «Quest’anno non sarò a Sanremo – ci racconta Gabriele – perché come l’anno scorso è tutto chiuso. Non ci sono contatti con gli artisti, la città è chiusa, quindi lo seguirò da casa. Ma ho avuto modo di ascoltare le canzoni. Le reazioni ai pre-ascolti, anche nel giudizio è sempre relativo, perché sulla carta ti direi che funziona meglio (tipo Musica Leggerissima di Colapesce e Dimartino l’anno scorso), il brano de La Rappresentante di Lista, ma si deve capire se è un pezzo che colpisce subito tutti e allora hanno delle possibilità, considerando che non sono più degli sconosciuti come l’anno scorso oppure vincerà una cosa tipo Elisa o Fabrizio Moro, con il classico pezzo sanremese. Devo dire che quest’anno i potenziali vincitori sono diversi».

(990)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.