È nato il Sicily Integration Village, i nuovi studi cinematografici siciliani

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Alfredo Lo Piero regista catanese e Vincenzo Mannino proprietario agricolo sembrano avere le idee molto chiare sul futuro. Il loro progetto Sicily Integration Village punta a diventare il “Cinecittà” siciliano.

Si tratta di un nuovo centro artistico culturale che aprirà a Catania il prossimo ottobre. Gli studi cinematografici si svilupperanno su oltre 25 ettari di terreno e 3.500 metri quadrati di fabbricati. Insomma tutto lo spazio necessario per ospitare produzioni nazionali ed estere, allestimenti, laboratori per il cinema, eventi e mostre.

«Attraverso il recupero di antichi mestieri, attività agricola, artigianato, arte, pittura, scultura, musica, cinema, teatro, – ha detto Lo Piero – faremo da volano a quello che diventerà presto uno dei più grandi poli attrattivi artistico culturali del territorio. Avvalendoci inoltre, della collaborazione di importanti enti e associazioni per la tutela dei diritti umani sarà integrata la presenza e l’impegno lavorativo di figure senza distinzione socio economiche».

Nasce a Catania il Sicily Integration Village

I nuovi spazi del Sicily Integration Village diventeranno sede anche di diversi appuntamenti importanti come il Festival Internazionale del cinema del Mediterraneo (Mff) e il Sens Exchange Project – del produttore Mirko Miceli – progetto di produzione audio visiva con fini sociali di integrazione tra normodotati, non vedenti e non udenti.

«Un Villaggio – conclude Lo Piero – dell’arte e dell’integrazione in Sicilia per la gestione di servizi socio-educativi e attività finalizzate all’inserimento nel mercato del lavoro di persone con esigenze socio culturali differenti».

(833)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.