Al Parco Archeologico Naxos Taormina per “Interpretare l’Antico”: il programma

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Parte domani, martedì 31 agosto, “Interpretare l’Antico”, rassegna teatrale diretta da Gigi Sedale per Rete Latitudini. Cinque gli spettacoli in programma – fino al 15 settembre – inseriti all’interno dell’edizione 2021 del festival NaxosLegge, diretto da Fulvia Toscano, nell’ambito del progetto “Comunicare l’Antico”.

A inaugurare la rassegna sarà “L’Agamennone” di Ghiannis Ritsos, con Filippo Luna (in foto) e le musiche dal vivo di Virginia Maiorana, prodotto da Amici della Musica di Cefalù. Lo spettacolo – che fa parte della raccolta “Quarta dimensione” – andrà in scena domani alle 21:30 al Teatro Nike del Parco Archeologico Naxos Taormina.

Interpretare l’Antico

Portare in scena i miti per raccontare i tempi attuali, questo l’obiettivo di Interpretare l’Antico, la rassegna teatrale diretta da Gigi Spedale, già presidente di Rete Latitudini. «Il nostro presente – ha detto Spedale – è la nostra storia, negli antichi Miti ritroviamo medesimi vizi e virtù delle cronache contemporanee. Forse il modo più efficace per descrivere e interpretare il presente è proprio volgere lo sguardo verso l’antico.

Grazie all’iniziativa del Parco Archeologico Naxos Taormina diretto dalla Dott.ssa Gabriella Tigano e di NaxoLegge, diretto dalla Prof.ssa Fulvia Toscano e grazie alla collaborazione delle Compagnie associate alla Rete Latitudini, abbiamo avuto la possibilità di selezionare cinque bellissimi spettacoli, di cui uno in anteprima assoluta in esclusiva per Naxos e uno a pochi giorni dal suo debutto a Segesta, che ci permetteranno di interpretare antichi fatti e personaggi, attualissimi ancora oggi, nel bene e nel male.

Nel meraviglioso contesto del Teatro della Nike, partendo da Agamennone, riscopriremo grandi figure del Mito, quali Persefone, Didone, Pentesilea. La scelta multidisciplinare integra mirabilmente Prosa con Danza e Musica in drammaturgie originali. Il nostro “Nòstos” sarà compiuto, con l’omonima coreografia con musica dal vivo, il 15 settembre al Giardino delle Rose, nell’area archeologica di Naxos».

«Per la prima volta – aggiunge la Tigano – il Parco di Naxos si trasforma in spazio per le arti dello spettacolo e questo ciclo di drammaturgie sulla riscrittura del mito, così profondamente legate alla cultura e al mondo greco, saldano la storia di Naxos alla sue origini di prima colonia greca in Sicilia».

Il programma

  • 31 agosto, alle 21:30 al Teatro Nike, Agamennone, con Filippo Luna, musiche dal vivo di Virginia Maiorana, produzione Amici della Musica di Cefalù.
  • 7 settembre, alle 21:00 al Teatro Nike, Persefone – Variazioni sul mito per voce e corpo, con Elisa Di Dio e Simona Miraglia. Coreografie Simona Miraglia, regia Laura Tornambene, produzione Compagnia dell’Arpa.
  • 9 settembre, alle 21:00 al Teatro Nike, Didon Now, con Elisa Di Dio e Virgilio Rattoballi, regia e coreografie Andrea Saitta, produzione Compagnia dell’Arpa.
  • 12 settembre, alle 21:00 al Teatro Nike, Pentesilea VS Achille, di Francesco Randazzo, con Cinzia Maccagnano, Luna Marongiu, Cristina Putignano, produzione La Bottega del Pane.
  • 15 settembre, alle 21:00 al Giardino delle Rose, Nòstos, coreografie di Silvia Giuffrè, musiche dal vivo di Alessandro Librio, produzione Omonia.

Informazioni utili

Green pass e prenotazione obbligatoria al:

(100)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.