A Messina arriva IDA-Itinerari d’Ascolto: facciamo una passeggiata sonora?

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Mettersi in ascolto di una città e osservarla in maniera diversa è una cosa semplice: basta indossare le cuffiette e iniziare a passeggiare. Succederà a Messina, sabato 1 e domenica 2 ottobre, e contemporaneamente in altre sei città italiane; il progetto si chiama IDA – Itinerari d’Ascolto ed è nato da un’idea di Aurelia Cipollini, attrice e operatrice culturale, componente dell’Associazione Fucina Salentina; insieme a lei anche Elena Fioretti e Irma Ridolfini dell’Associazione Nahia.

Per raccontarvi meglio quello che accadrà qui da noi abbiamo scambiato due chiacchiere con William Caruso, attore, insegnante della Compagnia Vaudeville e referente di IDA per la Sicilia. «L’anno scorso – racconta William – ci siamo riuniti con diverse associazioni da tutta Italia, cercando di capire come valorizzare le periferie attraverso gli itinerari d’ascolto. Un circuito non solo di attori, ma rivolto anche al mondo del turismo». L’idea, quindi, è quella di ascoltare una storia in cuffia mentre si attraversa Messina con un gruppo di persone.

Passeggiata sonora a Messina

Non è la prima volta che a Messina si parla di passeggiata sonora; già lo scorso 7 settembre, infatti, era stata realizzata Invisibile Immagine Sonora, a cura di Federico Calogero e la podzine ituoigelatinipreferiti, in questa occasione erano state sonorizzate delle fotografie scattate in tre luoghi diversi della città (foto di copertina).

Nel caso di IDA – Itinerari d’Ascolto, invece, la voce di William Caruso vi porterà indietro nel tempo, esattamente nel 1908: anno del tragico terremoto che rase al suolo buona parte di Messina. «L’audiodramma – continua William – si chiama “5:20” ed è proprio ispirato a una storia dell’epoca, ho fatto il riadattamento della storia di un telegrafista intervistato da un giornale e mi ha colpito molto questa testimonianza. Così ho detto: lui sarà il protagonista della mia storia».

«Lui – ci dice ancora William – riesce a salvarsi e vede quello che succede dopo il terremoto. Rivedremo il porto, la Palazzata». La voce narrante sarà accompagnata dal gruppo Fracargio (in foto) composto da Francesco Lipari, Dario Pino, Carmelo Giambò, Carmen Mazzeo. «L’architettura formale – ci dicono i musicisti – si impernia sul ritmo dell’SOS che il telegrafista di servizio non ha potuto lanciare a causa delle linee interrotte. Un afflato di storia che rievoca passato e presente, strumenti moderni e antichi, taluni costruiti appositamente per la ricerca musicale del gruppo. Rievocano il dramma, le vicende e il silenzio tremendo del destino».

Durante il percorso, inoltre, 5 allieve del laboratorio di William Caruso leggeranno degli scritti proprio sul terremoto di Messina. La passeggiata sonora è realizzata in collaborazione con la Scuola di Musical e recitazione VAUDEVILLE di Messina di Alessandro Alù e con il sostegno del Museo cultura e musica popolare dei Peloritani.

Come si partecipa

La passeggiata sonora di IDA – Itinerari d’Ascolto è in programma sabato 1 e domenica 2 ottobre; ci saranno tre turni:

  • alle 17:30, alle 19:30 e alle 21:00.

Necessari uno smartphone, un paio di cuffiette e scaricare l’app izi.travel

Prenotazioni al 3459454497 o mandando una mail a: william.caruso03@gmail.com.

(2548)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.