Troppe “lucciole” in via La Farina: nasce un comitato a sostegno dei cittadini

puttane-notteGli abitanti di via La Farina, compatti nella “difesa del territorio” si uniscono e formano REd Zone( Zona rossa), un comitato che vigilerà sul giro di prostituzione molto attivo in quella porzione di città, e altro. Ecco cosa scrivono:

“Su suggerimento del consigliere della IV Circoscrizione, Francesco De Pasquale, è stato istituito il comitato cittadino “Red Zone”, con l’obiettivo di riqualificare il tratto compreso tra piazza Repubblica, via Santa Cecilia e zone limitrofe. “Anche le cronache cittadine – ha affermato De Pasquale – hanno più volte posto l’accento su una problematica che ormai da parecchio tempo interessa le aree citate, caratterizzate sempre più dal fenomeno della prostituzione, ritenuto, da molti residenti della zona, lesivo del decoro cittadino”. Il comitato “Red Zone”, che si propone come interfaccia tra cittadini e istituzioni, intende farsi portavoce di alcune iniziative utili alla repressione del fenomeno come ad esempio il potenziamento dell’illuminazione pubblica sulla via La Farina, misura, questa, chiesta a più voci anche perché l’arteria è già balzata agli “onori” della cronaca in quanto teatro di numerosi incidenti stradali dovuti anche al transito dei tir. “La battaglia sulla riqualificazione e sul decoro della trafficata e popolosa via cittadina dovrà essere una di quelle “piccole” iniziative necessarie per far sì che la prossima amministrazione comunale possa tornare a rappresentare uno strumento attraverso cui dare ascolto e risposta ai cittadini” – ha concluso De Pasquale. Il comitato “Red Zone”, aperto a qualsiasi iniziativa in collaborazione con le associazioni di volontariato, intende mantenere accesi i riflettori sulla questione, accogliendo ulteriori proposte che verranno avanzate dai residenti della zona e attivando l’indirizzo di posta elettronica redzonemessina@gmail.com in cui potranno essere inviate ulteriori segnalazioni e suggerimenti da proporre in sede istituzionale”.

(45)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *