L’azienda ospedaliera Papardo Piemonte risponde sul caso del decesso della donna operata all’anca

Pubblicato il alle

1' min di lettura

sala operatoriaIn merito alla notizia, pubblicata ieri, relativa all’inchiesta aperta dalla Procura sul decesso di una donna, l’Azienda Ospedaliera “Ospedali Riuniti Paparo Piemonte” in una nota scrive: «La paziente dopo essere stata trattata presso l’ospedale di S.Agata Militello e trasferita il 22/8/2012  presso la S.C. di Rianimazione dell’Ospedale di Patti, viene ricoverata presso il P.O. Papardo S.C. di Neurologia l’1/9/2012 con la Diagnosi “ Coma vigile”, e precisamente la paziente si presentava con una tetraplegia ai quattro arti. Le condizioni della paziente si presentavano già gravissime al momento del ricovero. Nonostante le cure praticate non vi è stata ripresa delle funzioni encefaliche ed a causa di aggravamento dell’edema determinato dalla grave ischemia cerebrale la paziente giunge all’exitus».

 

(41)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.