Inchiesta palermitana. Ardizzone: “Piena collaborazione.Chi ha sbagliato pagherà”

ardizzone2“Sono piu’ che sereno, sono convinto di non avere sbagliato. Queste cose vanno dimostrate e, se ci sono contestazioni, le vedremo. E’ chiaro che daremo alla magistratura la massima collaborazione. Ho piena fiducia nella magistratura e se ci sono delle responsabilita’ penali personali, queste devono essere individuate, accertate e punite con il massimo rigore. Se qualcuno ha sbagliato paghera’”. Lo ha detto ai giornalisti il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, in merito all’inchiesta sulla spesa dei fondi del gruppi dell’Assemblea nella scorsa legislatura, che vede 97 indagati. Tra questi lo stesso Ardizzone, all’epoca deputato Udc. In merito alla sua vicenda parla di probabile “fatto contabile automatico. All’atto dello scioglimento del gruppo, scattava il rimborso forfettario del portaborse e, una parte di quella cifra, la pagava il gruppo misto. Mi sembra che ci troviamo di fronte ad atti dovuti, di fronte a una contestazione di 2090 euro che sono pronto a giustificare attraverso la tracciabilita’”. In ogni caso “e’ necessario che si faccia chiarezza in fretta su questa indagine. In questi mesi abbiamo fatto un grosso sforzo per allinearci alle altre regioni e certamente non ci voleva in questo momento. Credo che la classe dirigente siciliana oggi piu’ che mai deve dare dimostrazione di massimo rigore e trasparenza”.
Sulla necessita’ di regole piu’ stringenti nella gestione dei fondi, Ardizzone ha ricordato che: “Al momento del mio insediamento, prima dell’approvazione del decreto Monti, ho fatto una nota per l’approvazione di regole rigide sui rendiconti, tutto quello che c’era da porre in essere e’ stato fatto”.

(77)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *