Cantieri Palumbo. Smaltimento illecito di rifuti: assolto in appello Antonio Palumbo

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Smaltimento illecito di rifuti ai Cantieri Palumbo di Messina: Antonio Palumbo viene assolto in appello per non aver commesso il fatto. La Corte d’Appello di Messina, con la sentenza emessa oggi, ha completamente ribaltato la sentenza del Tribunale di Messina del 16.1.2019, relativa alla vicenda dello smaltimento del grit in cui erano contestati nel cantiere di Messina i reati di associazione per delinquere, traffico illecito di rifiuti, disastro ambientale ed altro.
L’imprenditore Antonio Palumbo, all’epoca dei fatti legale rappresentante della società Palumbo spa, è stato assolto da tutti i reati con la formula piena per non aver commesso il fatto. Con la stessa sentenza sono state revocate le sanzioni interdittive nei confronti della società.
Le motivazioni saranno depositate nei 90 giorni.

Antonio Palumbo, alla guida di un gruppo che oggi fattura oltre 200 milioni di euro ed occupa oltre 1500 unità, difeso dagli avvocati Giro Sepe e Giulia Bongiorno, ha espresso grande soddisfazione per questa sentenza che ha ristabilito finalmente la verità su una vicenda amara che ha sconvolto la sua vita personale ed imprenditoriale.

(71)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.