Bordonaro e Cumia. Il Genio Civile non autorizza l’Amam a riparare le fogne. Cardile: «Pronto alla denuncia»

bordonaroUn vero “reato ambientale” è quello che sta per configurarsi a Bordonaro e Cumia. A causa delle ultime piogge e dell’infiltrazione di acque bianche reflue nelle condotte fognarie, molti tombini lungo i due torrenti sono saltati e la fogna si riversa nell’alveo per l’intero percorso dei torrenti stessi, infiltrandosi in parte anche nel terreno. Nel torrente Cumia il tratto interessato dalla fuoriuscita è a valle del centro abitato, mentre a Bordonaro la zona “colpita” è quella in prossimità del centro del villaggio. Nonostante le ripetute segnalazioni e gli evidenti disagi, non vi è stato alcun intervento. Il motivo? Il Genio Civile non autorizza gli interventi delle ditte che, invece, sono autorizzate dall’Amam, quindi le fogne continuano a fuoriuscire nell’attesa della risoluzione di questa incongruenza. Oltre ai rischi igienico-sanitari, legati al proliferare di insetti e ratti, e al terribile odore, il rischio di inquinamento delle falde acquifere è elevato. Claudio Cardile, Consigliere della III Circoscrizione, attacca: «Il persistere di questo stato di cose, in considerazione del fatto che le condotte fognarie decorrono all’interno dell’alveo dei torrenti suddetti e che è stato proprio il Genio Civile a dare, a suo tempo, l’ok alla realizzazione degli stessi impianti, mi vedrà costretto a denunciare quanto accade alla Procura della Repubblica, per accertare le responsabilità di questa incresciosa situazione, da Paese del Terzo Mondo».

(49)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *