“Aiutatemi, ho un coltello conficcato in gola”. Così un 52enne al 118

Pubblicato il alle

1' min di lettura

E’ giallo sul ferimento di un uomo, giunto in ambulanza questa mattina al Policlinico. L’uomo, 52 anni, aveva un coltello conficcato nel collo, che fortunatamente non ha leso parti vitali. Il ferito ha dichiarato di aver tentato in suicidio. La sua dichiarazione non ha però convinto del tutto la polizia, che sta indagando sull’accaduto.

Il 52enne ha raccontato che in un momento di sconforto, all’interno della propria abitazione, ha afferrato il coltello e se l’è conficcato nel collo. I sanitari lo hanno sottoposto ad intervento chirurgico per estrarre la lama.

Gli investigatori stanno interrogando la moglie e il figlio dell’uomo, per capire se sia plausibile la tesi del tentato suicidio (pare che l’uomo da tempo soffrisse di depressione) o se possa essersi trattato di una lite domestica finita nel sangue. Secondo alcune indiscrezioni, il 52enne è personaggio noto nel mondo sportivo messinese, allenatore di una squadra di calcio.

(10574)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.