comune di messina, municipio, palazzo zanca, candidati consiglio comunale

Fondi della Democrazia Partecipata: anche Messina tra i 159 comuni inadempienti per il 2019

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Sono 159 i comuni che dovranno pagare una sanzione per il mancato o parziale utilizzo dei fondi della Democrazia Partecipata per l’anno 2019. Tra questi anche 25 in provincia di Messina (compreso il capoluogo). Disatteso, nella maggior parte dei casi, anche l’obbligo, previsto dalla legge regionale, di rendere facilmente consultabili le informazioni relative alle procedure direttamente sul proprio sito istituzionale.

Di Democrazia Partecipata abbiamo riparlato qualche giorno fa, quando il Comitato promotore per la realizzazione, a Torre Faro, della villetta intitolata a Giuseppe Sanò ha comunicato di essere arrivato primo al bando per il 2022. Si tratta di una misura che prevede l’uso del 2% dei fondi provenienti dalla Regione Siciliana per progetti proposti e scelti dai cittadini. In caso di mancata spesa delle risorse, i Comuni devono restituire le somme a Palermo.

A tenere sempre alta l’attenzione sul tema della Democrazia Partecipata è Spendiamoli Insieme progetto di monitoraggio civico della no profit Parliament Watch Italia –, che mostra se e come i Comuni stanno spendendo queste risorse. Nei giorni scorsi, informano i curatori della piattaforma, la Regione Siciliana ha pubblicato un aggiornamento degli Enti sanzionati per il mancato o parziale utilizzo delle risorse del 2019.

Questo aggiornamento segnala che: «Nel 2019 la somma totale a disposizione dei Comuni Siciliani era di 4 milioni e 193 mila euro. Il dato precedente relativo alle sanzioni 2019, pubblicato dalla Regione lo scorso aprile, era di € 1.381.438,94. La nuova rilevazione porta a 159 i Comuni Siciliani sanzionati, per un totale di 1.322.396,02 euro». Per 8 Comuni – Siculiana, Riesi, Vizzini, Taormina, Rosolini, Sperlinga, Catenanuova e Ventimiglia di Sicilia – le sanzioni sono state annullate o ridotte. «Con questo aggiornamento – sottolineano i curatori di Spendiamoli Insieme – il quadro generale non cambia, la media siciliana per il 2019 resta di 1 euro restituito ogni 3 disponibili». 

Un altro dato rilevante, oltre alla lentezza con cui sono state definite le sanzioni (stiamo parlando, ci ricorda Parliament Watch, di fondi del 2019), è quello riguardante la pubblicità e l’accessibilità delle informazioni sui bandi e i progetti della Democrazia Partecipata. Per legge, infatti, i Comuni sarebbero tenuti a pubblicizzare adeguatamente sul proprio sito tutte le fasi del bando. Sarebbero tenuti, appunto, perché su 391 Enti Locali, solo 56 hanno in homepage una sezione dedicata, poco più del 14% del totale. Su questo punto si consiglia la lettura di questo articolo. Per quel che riguarda il Comune di Messina, attualmente non è visibile alcun bottone in homepage.

In questa pagina è possibile consultare la scheda di Spendiamoli Insieme relativa ai fondi della Democrazia Partecipata usati dal Comune di Messina tra il 2016 e il 2022.

Democrazia Partecipata: i comuni inadempienti in provincia di Messina

Pubblichiamo di seguito il riepilogo delle somme da restituire alla Regione Siciliana a titolo di penale per mancata o parziale attivazione di forme di democrazia partecipata riferite ai trasferimenti regionali per l’anno 2019. 

  1. Capizzi – 99,56 euro;
  2. Capo d’Orlando – 715,83 euro;
  3. Caronia – 15.505,67 euro;
  4. Furci Siculo – 671,83 euro;
  5. Gioiosa Marea – 8.407,41 euro;
  6. Itala – 539,61 euro;
  7. Letojanni – 4.991,38 euro;
  8. Limina – 5.866,63 euro;
  9. Merì – 2.395,03 euro;
  10. Messina – 13.817,29 euro;
  11. Mistretta – 2.150,83 euro;
  12. Novara di Sicilia – 6.393,76 euro;
  13. Pace del Mela – 5.317,76 euro;
  14. Pagliara – 7.861,07 euro;
  15. Roccalumera – 935,12 euro;
  16. Roccavaldina – 364,32 euro;
  17. Saponara – 245,07 euro;
  18. Santa Marina Salina –12.251,34 euro;
  19. Santa Domenica Vittoria – 6.276,72 euro;
  20. Sant’Alessio Siculo – 4.489,80 euro;
  21. Santo Stefano di Camastra – 21.201,16 euro;
  22. Sinagra – 13.391,20 euro;
  23. Spadafora – 12.808,57 euro;
  24. Taormina – 21,95 euro;
  25. Torrenova – 1.981,76 euro.

A questo link il documento completo.

(104)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.