Un Museo di Storia Naturale a Palazzo Weigert, nel cuore di Messina: il progetto

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Creare un “Museo di Storia Naturale dello Stretto di Messina nel Mediterraneo” all’interno di Palazzo Weigert, già sede dell’Infopoint: è questo l’obiettivo della Delibera approvata recentemente dalla Giunta De Luca nell’ottica di un piano più ampio per il rilancio del turismo nella città dello Stretto. Al suo interno andrebbero a confluire diversi reperti di proprietà comunale.

Con il documento approvato lo scorso 30 aprile 2021, l’Amministrazione dà quindi mandato al Dipartimento Servizi Tecnici di trasferire l’ufficio che oggi si trova al piano terra dell’edificio in maniera tale da sgomberare i locali e renderli idonei ad ospitare il Museo con i relativi espositori e reperti. Una volta fatto questo, si dovrebbe procedere con la pitturazione, la messa a norma dell’impianto elettrico e con tutti gli interventi di manutenzione necessari. La spesa, si specifica nella Delibera, andrà a gravare sugli impegni già assunti dal Dipartimento Manutenzione Stabili Comunali.

Come si anticipava, il Museo di Storia Naturale rientra in un piano più ampio per il rilancio del turismo a Messina. La scelta di Palazzo Weigert come sede dell’allestimento è stata fatta sempre nell’ottica di un percorso dedicato ai turisti (crocieristi e non) alla scoperta del patrimonio storico-artistico del centro città.

Tra le premesse della delibera, il fatto che «rientra tra gli Obiettivi dell’Amministrazione il rilancio turistico della città di Messina, per il quale è stata elaborata e condivisa anche in sede di laboratorio turistico, una strategia di accoglienza, finalizzata a rendere la Città un luogo attrattivo, così da poter essere inserita nei pacchetti turistici venduti da agenzie e tour operator e quale città di sosta nelle rotte croceristiche». E che «tale strategia prevede, tra le iniziative per incentivare la permanenza dei turisti sul territorio comunale, l’individuazione di percorsi del centro storico per visitare anche a piedi le attrazioni i monumenti e i siti di interesse, e il potenziamento della presenza di “poli di attrazione” di interesse storico, artistico, e culturale, tra i quali si configura il Palazzo Weigert, attualmente sede dell’infopoint, punto informazione turistica».

Ma cosa sarà possibile vedere all’interno del futuro Museo di Storia Naturale dello Stretto di Messina nel Mediterraneo di Palazzo Weigert? Nei piani dell’Amministrazione, e in particolare dell’assessore alla Cultura, Enzo Caruso, la Collezione Malacologica Messinese. Collezione di proprietà comunale che attualmente si trova «depositata in cattivo stato di conservazione» presso gli Uffici dell’Annona, accanto il Mercato Ittico.

Infine, si legge nella Delibera: «Con successivo provvedimento si procederà ad approvare un atto di comodato finalizzato alla cessione a titolo gratuito di patrimonio privato e a disciplinare l’istituzione del Museo di Storia Naturale dello Stretto di Messina nel Mediterraneo».

(687)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.