strettotrasporti

Trasporto marittimo veloce. Bartolotta incontra i vertici del Ministero a Roma

Pubblicato il alle

4' min di lettura

strettotrasportiAlla luce dell’imminente scadenza della convenzione che regola i servizi espletati da Metromare e l’assegnazione dell’appalto per il servizio di navigazione veloce dello Stretto alla società partenopea Nlg (Navigazione Libera del Golfo) che andrebbe a sostituirla, si sono presentati subito diversi problemi, primo fra tutti la possibilità che ad essere compromessa fosse la qualità del servizio con una possibile diminuzione delle corse a causa dei costi ridotti. A questo si aggiunge anche che la Nlg coprirebbe solo la tratta Messina-Villa S. Giovanni lasciando scoperta Reggio.

A questo proposito, l’assessore regionale ai trasporti Antonino Bartolotta,  insieme al collega calabrese Luigi Fedele, ha incontrato a Roma i vertici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per discutere delle problematiche connesse all’attraversamento dello Stretto di Messina.

Nel corso della riunione di coordinamento con i rappresentanti ministeriali, alla quale ha preso parte anche il sindaco di Villa San Giovanni, Rocco La Valle, sono state messe al vaglio le diverse opzioni da attuare al fine di non permettere in alcun modo l’interruzione del servizio di trasporto marittimo veloce di passeggeri tra le città di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni.

L’assessore Bartolotta, unitamente a Fedele, al termine della lunga giornata di riunioni ha fatto sapere, quindi, che «il problema è completamente risolto per quanto concerne la tratta Villa San Giovanni-Messina».

«Abbiamo registrato — ha dichiarato l’assessore della giunta Crocetta — la vittoria della Nlg ai bandi di gara per l’espletamento dei servizi della tratta Villa-Messina. Per cui il servizio continuerà senza subire alcun tipo di disagio».

Si presentava, invece, più complessa la situazione legata al trasporto marittimo tra la città di Reggio Calabria e quella di Messina. «Ai bandi pubblicati dal Ministero non ha partecipato, infatti, nessuna Società di trasporto che intendesse realizzare i collegamenti tra le due sponde. Perciò — continua —, dopo aver segnalato i gravi disagi e le enormi conseguenze per l’utenza legate all’interruzione di un servizio di fondamentale importanza per la mobilità dell’Area dello Stretto, i vertici del Ministero, su input anche del Ministro Lupi, hanno individuato una Società di grande rilievo che dovrebbe, da qui a breve, garantire la continuità del servizio».

«Sulla base di queste garanzie — prosegue Bartolotta —, quindi, siamo fiduciosi che l’intera situazione possa evolversi in senso positivo già dalle prossime ore. Ci troviamo, infatti, in una grave condizione di emergenza che ha messo in allarme il gran numero di pendolari, studenti, turisti e passeggeri che usufruiscono quotidianamente di un servizio divenuto ormai indispensabile per le due provincie dirimpettaie.
Inoltre, nel corso della giornata capitolina, insieme al collega Fedele, con il quale abbiamo da subito perorato la causa, abbiamo avuto anche la possibilità di incontrare il ministro Lupi al quale abbiamo chiesto di fissare la data per un ulteriore appuntamento che avesse come finalità quella di approfondire la generale situazione dei trasporti dell’area integrata dello Stretto con l’intento, una volta superata la fase dell’attuale emergenza,di definire gli interventi per garantire la continuità dei servizi per i prossimi anni.

Il ministro Lupi — conclude —, oltre a dimostrare molta sensibilità per le criticità connesse alla questione Metromare per la quale da tempo aveva dato mandato ai suoi uffici, si è dimostrato assolutamente disponibile a rendere concreta, già nelle prossime settimane, la proposta da noi avanzata».

(91)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.