messina-santa-maria-alemanna

Lo Stretto di Messina in versi: “Vascello Fantasma” di Marietta Salvo alla kermesse “Alemanna”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Muoversi tra l’assenza degli affetti perduti e la visionarietà immaginifica dei luoghi, i colori e gli odori dello Stretto di Messina. È questa l’idea alla base di “Vascello Fantasma”, il nuovo libro della poetessa messinese Marietta Salvo, già autrice di diverse raccolte.

L’opera verrà presentata sabato 6 novembre 2021 alle ore 18:00, nell’ambito di “Alemanna. Storie di cultura”, la kermesse promossa dal centro multisperimentale Progetto Suono in collaborazione con la Feltrinelli Point di Messina, con cui sta organizzando gli “Incontri d’Autore”. Marietta Salvo dialogherà con la giornalista Anna Mallamo, in collegamento da Roma sarà presente anche la scrittrice messinese Nadia Terranova.

Il tema di ”Vascello Fantasma“ di Marietta Salvo

La raccolta di poesie di “Vascello Fantasma”, edita da Giulio Perrone Editore, è un omaggio allo Stretto di Messina e a tutte le storie che si porta dietro. Questa è la descrizione del libro:

«La cifra poetica di “Vascello fantasma” si muove tra l’assenza degli affetti perduti e la visionarietà immaginifica dei luoghi. La città dello Stretto, la sua storia reale o narrata dalle voci familiari e dalle leggende dei cantori. I flussi, le invasioni, i saccheggi, gli attraversamenti violenti che ne hanno determinato le strade e le sponde. È come se l’autrice rivisitasse con i colori e gli odori e i versi propri questa commistione di eventi, mischiando i flussi vecchi e nuovi, i vecchi e nuovi imbarbarimenti, le invasioni reali e immaginifiche. I due mari, lo Stretto, le onde, i rumori isolani, l’invasività esterna ma anche quella interiore del dolore causato dalla perdita. La poesia segue ancora la musica della corporeità. Anche nella liricità più ricercata emerge, a contrasto, l’abisso estremo del dolore o del piacere che il corpo detta. La sperimentazione del verso e la promiscuità dei suoni porta sempre al corpo, carne e sangue, e al dolore, generato dall’assenza del corpo stesso. Le ossessioni si intrecciano ai sentieri percorsi e la Città di Sabbia, lingua stretta tra le colline e i due mari, è un territorio vacillante dove i sentimenti devono farsi strada tra fantasmi e relitti».

Classe 1952, Marietta Salvo è vincitrice per la Poesia del Premio Internazionale di Letteratura ” Eugenio Montale” nel 1989. Ha pubblicato con la casa editrice Scheiwiller la silloge poetica “Aritmie”nel 1989 e nel 1993 per il Girasole Edizioni la raccolta poetica dal titolo L’insano gesto, mentre nel 1999 è uscito il volume Il senso del racconto (Perap edizioni, Palermo).

Per partecipare è necessario il green pass e la prenotazione, che si può effettuare contattando il numero 3409477867.

vascello fantasma marietta salvo

(113)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.