libero gioveni, consigliere comunale di messina

Scuola primaria “N. Giordano” di Pistunina senza riscaldamenti, Gioveni: «Urge intervento»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Niente riscaldamento per i bambini della scuola primaria “Nicola Giordano” di Pistunina, che nello zainetto in questi giorni si ritrovano a portare anche un plaid: a segnalarlo è il consigliere comunale Libero Gioveni, il quale chiede l’intervento del Commissario Straordinario del Comune di Messina, Leonardo Santoro. «I piccoli alunni senza riscaldamenti e con le finestre aperte per le regole anti-Covid!» denuncia l’esponente di Fratelli d’Italia.

Giorni di freddo a Messina e il problema è sempre lo stesso. Scuole senza riscaldamenti e alunni al freddo. In aggiunta, in questo periodo, la necessità di tenere le finestre aperte per ridurre i rischi di contagio da covid-19. Sotto i riflettori, oggi, la scuola primaria “Nicola Giordano” di Pistunina, appartenente all’Istituto Comprensivo “Giuseppe Catalfamo”: «Diversi genitori – scrive Libero Gioveni in una nota – , sono fortemente preoccupati per la salute dei piccoli alunni in quanto il plesso è da sempre sprovvisto del necessario impianto di riscaldamento, che preclude tra l’altro ai piccoli la possibilità di utilizzare anche l’acqua calda».

«Tale criticità, però – aggiunge –, secondo quanto raccontano gli stessi genitori, è aggravata dal fatto che, stante il clima rigido di questi giorni senza un benché minimo rimedio rappresentato anche da un riscaldamento di fortuna (che potrebbe essere fornito per esempio da delle stufe elettriche), i bambini sono costretti a rimanere anche con qualche finestra aperta per il necessario ricircolo dell’aria nel rispetto delle prescrizioni anti-Covid».

L’appello del consigliere di Fratelli d’Italia è rivolto al Commissario Straordinario, Leonardo Santoro, e al Dipartimento che si occupa del servizio di manutenzione edifici scolastici, cui chiede di intervenire con urgenza e verificare se sia possibile, in attesa di un intervento definitivo, collegare delle stufe all’impianto elettrico.

«È ovvio – conclude Gioveni – che lo scrivente ben comprende anche i possibili legittimi dubbi che possa avere il Dirigente Scolastico sui rischi per la sicurezza nel collegare all’impianto elettrico delle stufe, per cui si rende necessario un urgente intervento del Dipartimento, soprattutto se si pensa che molti genitori stanno tuttora mandando i piccoli a scuola muniti di plaid».

 

(83)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.