arco di cristo re lavori

Riaperta la strada a Cristo Re, Minutoli e Mondello: «Ritardi non dipesi dall’Amministrazione»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

È ufficiale: da oggi, giovedì 16 dicembre, la tratta di viale Principe Umberto che passa sotto l’Arco di Cristo Re è stata riaperta. A comunicarlo sono stati l’assessore ai Lavori Pubblici, Salvatore Mondello, e il collega alla Protezione Civile, Massimiliano Minutoli, sul posto per un sopralluogo: «Siamo consapevoli dei disagi che la cittadinanza ha dovuto subire – hanno affermato –, ma è palese che gli inconvenienti che hanno determinato i ritardi imprevisti, non sono dipesi dall’Amministrazione».

Prima le difficoltà nel reperimento dei materiali necessari, poi il ritiro dell’impresa che avrebbe dovuto svolgere i lavori, infine il maltempo, che non ha certo aiutato. Gli intoppi, insomma, non sono mancati, ma da oggi la tratta di viale Principe Umberto chiusa lo scorso 24 ottobre a causa della caduta di massi dall’Arco di Cristo Re, è stata riaperta. Conclusa la messa in sicurezza, adesso, può iniziare la fase diagnostica per poi procedere agli interventi di restauro dell’Arco.

massimiliano minutoli e salvatore mondello a cristo re«Troppo spesso – sottolineano gli assessori Salvatore Mondello e Massimiliano Minutoli – si ha una percezione errata del volume dei provvedimenti burocratici che riguardano i lavori pubblici; già nell’ordinario esistono tempistiche ben precise da rispettare per legge. Quando poi si tratta di opere soggette a vincoli e di inestimabile valore architettonico come l’Arco e le mura in questione, che rappresentano una delle rare testimonianze delle fortificazioni spagnole, è evidente che gli adempimenti siano molto più gravosi».

«Auspichiamo – concludono – che si comprenda che le attività condotte con perizia e attenzione richiedono modalità e tempi ben precisi; esistono fasi di lavoro propedeutiche, che non sono visibili all’esterno, ma sono ugualmente impegnative ed onerose. Un ringraziamento particolare va alla Soprintendenza e ai tecnici che si sono resi subito disponibili per una condivisione degli interventi da eseguire sia nell’immediato che nelle fasi successive».

(220)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.