Raccolta differenziata e condomini. Lombardo punta il dito contro alcuni amministratori

La raccolta differenziata porta a porta sta per approdare anche al centro di Messina, ma ancora con alcuni condomini non si è riusciti a trovare un accordo. A segnalare questa piccola sacca di resistenza è stato il presidente di MessinaServizi Bene Comune Giuseppe Lombardo che sottolinea come da parte dell’Azienda sia stato fatto tutto il possibile per arrivare a un punto d’incontro.

Lo scontro tra amministratori di condominio e MessinaServizi Bene Comune è ancora aperto, sebbene sia stato ormai ridimensionato. In diversi casi, sono stati trovati punti d’incontro e soluzioni che, a quanto pare, vanno bene quasi a tutti.

Quando l’ordinanza sulla raccolta differenziata indirizzata ai condomini, e in particolare ai loro amministratori, è stata emanata, si è creato un polverone. L’associazione di categoria ha anche presentato un esposto al TAR che ha dichiarato inammissibile un punto del documento, quello riguardante l’obbligatorietà di lasciare aperti i locali per consentire agli addetti dell’Azienda che si occupa della raccolta rifiuti a Messina di entrare e prendere i contenitori per svuotarli.

Ma, sottolinea Lombardo: «C’è una piccola parte di resistenza da parte di alcuni amministratori di condominio che non vogliono prendersi in carico questa ulteriore responsabilità legata alla raccolta differenziata, ma è una percentuale minima, più o meno del 10-15%. Lo vediamo con le consegne, le consegne vanno avanti, dove materialmente non ci sono gli spazi si procede con i sopralluoghi».

A questa piccola percentuale Giuseppe Lombardo non le manda a dire e parla schiettamente:«Agli amministratori di condominio abbiamo prospettato tutte le soluzioni possibili, lo abbiamo spiegato, è una rivoluzione culturale e le rivoluzioni culturali si fanno insieme, non vengono imposte. Abbiamo dato la nostra disponibilità per fornire qualsiasi supporto, il regolamento comunale prevede anche delle ipotesi specifiche. Se gli amministratori di condominio non le vogliono attuare perché sono contrari alla raccolta differenziata che ce lo dicano. Chi ancora ne fa una battaglia politica per mettere un ostacolo di fronte a chi ha fatto una rivoluzione, che ce lo dica ben chiaro».

Insomma, si va avanti. Proprio in queste ore gli incaricati da MessinaServizi Bene Comune stanno procedendo alla consegna dei kit per la raccolta differenziata porta a porta e in giro per il centro città compaiono i tanti volantini che preannunciano l’arrivo di carrellati e mastelli.

(941)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *