Quattro Frecce: metti un po’ di parcheggi bruttissimi

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Se fosse un parcheggio a parlare per noi…potremmo reinterpretarla così, in salsa messinese, la hit sanremese di Colapesce e Dimartino che continua a farci ballare, fuori e dentro la macchina. Ma qui, a Quattro Frecce, risuona solo il silenzio causato dai parcheggi selvaggi a Messina.

Oggi ci troviamo sul lungomare del Ringo, una delle porzioni di costa urbana poco sfruttata dai pedoni ma molto amata dagli automobilisti. «Siamo di fronte – dicono gli esperti – al Missinisi Pescatus – discendente di origine esotica del nostro scaltro». Si tratterebbe, quindi, di uno degli scaltri provenienti da sud-sud est che pesca a caso i suoi parcheggi brutti in giro per Messina.

Se bastasse un parcheggio

È vero, non basta un parcheggio brutto a renderci cittadini incivili, ma ne serve solo uno a dare il cattivo esempio. «Come si evince dalla diapositiva – continuano i nostri studiosi – il Missinisi Pescatus non è un unico esemplare ma si tratterebbe, dalle prime rivelazioni effettuate, di un gregge che ha deciso di stazionare sul lungomare del Ringo per evidenti motivi climatici. Con l’arrivo della bella stagione – proseguono gli esperti naturalisti – il Missinisi Pescatus, infatti, deve rinfrescare il veicolo con le acque del Mediterraneo». Se solo bastasse un parcheggio fatto bene ad aprirci gli occhi e rimettere in ordine le cose, potremmo mettere un po’ di quella musica per sentirci davvero leggeri.

Fai la differenza

Molti hanno apprezzato il singolo di Colapesce e Dimartino, soprattutto per l’arrangiamento accattivante che fa subito venir voglia di ballare. A noi di Quattro Frecce piace soprattutto il testo, perché è applicabile a diverse situazioni quotidiane. Qui una nostra piccola versione, con una metrica poco esatta, dedicata ai parcheggiatori incivili di Messina.

“Se bastasse un parcheggio per far nascere un fiore
Tra i palazzi distrutti dalle bombe nemiche
Nel nome di un scaltro
Che non esce fuori senza la sua macchina
Il vigile è andato via
Metti un po’ di testa nel tuo prossimo parcheggio
Nel silenzio assordante
Per non cadere dentro al buco nero
Che sta ad un passo da noi, da noi”.

 

(88)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.