“Puliamo il Mondo”: a Messina la Rotatoria del Viale Giostra torna pulita

Pubblicato il alle

3' min di lettura

In occasione della 29esima edizione di “Puliamo il Mondo”, iniziativa promossa da Legambiente, è stata ripulita la Rotatoria Vittime e Martiri della Mafia sul Viale Giostra di Messina.

«La grande area verde – ha detto Giovanni D’Arrigo, Presidente del Circolo Legambiente Peloritani – si era presentata ai volontari fortemente ricolma di rifiuti, gran parte dei quali annidati nei rami delle belle piante fiorite e arbusti, come lantane, ibiscus, oleandri, pomelie, calldistemon, iucche, gardenie, nolina, e altro».

Ripulita la Rotatoria del Viale Giostra grazie a “Puliamo il Mondo”

La pulizia – che si è svolta lo scorso 2 e 3 ottobre – è stata possibile anche grazie ad alcuni ospiti della Comunità per Minori “La Coperta di Linus” di Messina. «Con l’ausilio di rastrelli, forbici da pota, scope e palette, – continua D’Arrigo – si è effettuata una poderosa raccolta differenziata dei rifiuti, recuperando e separando, ove possibile, plastica, vetro, lattine, carta e sfalci di potature dall’altro materiale indifferenziato non ultimo numerosi cartoni, avanzi degli spari di fuochi d’artificio, essendo il luogo preferito per le esplosioni da sempre più numerosi incivili.

Durante l’iniziativa “Puliamo il Mondo” a Messina, abbiamo avuto, soprattutto, la fattiva collaborazione di Messinaservizi Bene Comune ed in particolare, del suo presidente, Dott. Giuseppe Lombardo, che ha fornito le grandi buste per la raccolta agevole dei materiali e ha provveduto al ritiro tempestivo di tutti i sacchi raccolti, al termine dell’iniziativa.

In aggiunta alla pulizia, un volontario di Legambiente, munito di decespugliatore, ha provveduto alla completa scerbatura dell’area verde, con ciò facendo ritornare la Rotatoria a quel “gioiellino di verde” come era descritta tempo fa».

I dati di Puliamo il Mondo

Reduci dall’iniziativa in moltissime città italiane, Legambiente pubblica i dati aggiornati relativi al Park Litter, i rifiuti nei parchi urbani in 27 città italiane.

Nell’indagine di Legambiente si parla di: 32.937 rifiuti raccolti e catalogati nei 53 transetti eseguiti in 48 parchi urbani di 27 città (Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Catanzaro, Chieti, Cinisello Balsamo, Genova, Gorizia, Latisana, Milano, Napoli, Perugia, Pescara, Piazza Armerina, Pineto, Pisa, Pordenone, Roma, Roseto degli Abruzzi, Rovigo, Ruoti, San Colombano al Lambro, Terralba, Torino, Trieste, Udine), circa 6 rifiuti ogni metro quadrato monitorato.

La classifica dei rifiuti:

  • mozziconi di sigarette: 27%
  • frammenti di carta: 23%
  • pezzi non identificabili di palstica: 6,6%
  • materiale da costruzione: 6,3%
  • bottiglie di vetro e pezzi di bottiglie: 4%
  • tappi di bottiglie, linguette di lattine: 4%

A questo link il report completo

(91)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.