crocevigili

Violazioni del Codice stradale: Croce dispone l’utilizzo dei proventi

Pubblicato il alle

2' min di lettura

crocevigiliIl commissario straordinario del Comune, Luigi Croce, con i poteri della Giunta, ha deliberato la destinazione, per l’anno 2013, del 50% dei proventi delle sanzioni amministrative per le violazioni al Codice della Strada. Le quote percentuali delle somme introitate, accertate dalla Polizia municipale, saranno così ripartite: il 12,50% per interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica stradale; il 12,50% per il potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto di automezzi, mezzi ed attrezzature del Corpo e dei servizi di Polizia Municipale. Il rimanente 25% sarà destinato ad altre finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale: il 3% per manutenzione delle strade di proprietà dell’Ente; lo 0,30% per l’installazione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione delle barriere; lo 0,30% per la sistemazione del manto stradale; lo 0,10% per la redazione dei piani del traffico; lo 0,10% per interventi per la sicurezza stradale a tutela degli utenti deboli quali bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti; lo 0,10% per lo svolgimento, da parte degli organi di polizia municipale, nelle scuole di ogni genere e grado, di corsi didattici finalizzati all’educazione stradale; il 5% per assistenza e previdenza del personale della Polizia Municipale; lo 0,10% per interventi a favore della mobilità ciclistica; il 7% per il potenziamento del trasporto pubblico collettivo da trasferire all’Azienda Trasporti Messina a cura del corpo di Polizia municipale e il 9% per assunzioni stagionali a progetto nelle forme di contratti a tempo determinato e forme flessibili di lavoro. Deliberato inoltre di ripartire il 50% dei proventi delle sanzioni amministrative per le violazioni previste dall’art. 142, comma 12-bis (violazioni ai limiti massimi di velocità) destinando, sempre per l’anno 2013, il 25% a interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, comprese la segnaletica, le barriere e i relativi impianti, e il restante 25% al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, comprese le spese relative al personale.

(71)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.