Protocollo sanità tra l’Asp di Trapani e l’Asp di Messina: le isole non devono essere penalizzate

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Nasce un protocollo tra l’Asp di Trapani e l’Asp di Messina che pone l’attenzione su sanità e best practice nelle isole. A Salina i commissari Ferdinando Croce e Giuseppe Cuccì hanno presentato l’iniziativa al direttore generale Salvatore Iacolino, durante il focus salute promosso nell’ambito del Marefestival Premio Troisi.

Protocollo sanità tra l’Asp di Trapani e l’Asp di Messina

È pronto un protocollo tra l’Asp di Trapani e l’Asp di Messina, entrambe responsabili di un ospedale su un’isola, rispettivamente quello di Pantelleria e quello di Lipari. Di questo si è discusso a Salina, durante un focus sulla salute, promosso nell’ambito del Marefestival Premio Troisi, che ogni anno affronta temi rilevanti per la popolazione eoliana. I dirigenti delle due aziende sanitarie provinciali hanno presentato la bozza dell’accordo al direttore generale dell’Assessorato regionale della Salute, Salvatore Iacolino, che ha presieduto i vari panel. L’accordo riguarda i seguenti temi:

  • bisogni di salute,
  • sviluppo del turismo sanitario,
  • condivisione delle migliori pratiche sanitarie ed emergenziali, cliniche, assistenziali e organizzative,
  • potenziamento degli strumenti di prevenzione e screening,
  • telemedicina e teleconsulto, con l’obiettivo di uniformare i processi gestionali e migliorare la quantità e la qualità dei servizi sanitari offerti agli abitanti delle isole minori.

Immagine virtuosa della sanità siciliana

Il commissario Asp Trapani Fernando Croce ha spiegato: «le rispettive aziende sanitarie provinciali  condividono le stesse criticità che riguardano i comprensori insulari su cui risulta indispensabile disegnare una sanità su misura, alla luce delle prerogative e delle necessità degli assistiti. Questa è la ragione che ci ha portato a voler condividere idee, progettualità e iniziative e rendere utile e sinergico uno scambio di informazioni e strumenti col fine comune di risolvere eventuali problematiche e far fronte in modo più rispondente alle questioni più volte emerse».

Il protocollo verrà firmato a breve a Palermo e diventerà immediatamente operativo. Ogni azienda sanitaria nominerà un responsabile incaricato di coordinare quattro fasi: definizione del metodo, analisi dei dati, esecuzione delle attività e promozione della salute.

Il commissario Asp Messina Giuseppe Cuccì ha aggiunto: «i feedback che raccoglieremo dagli utenti rappresenteranno un efficace supporto alla valorizzazione dei livelli di assistenza garantiti sulle isole e contribuiranno a consolidare un’immagine virtuosa della sanità siciliana anche in questi territori che non devono assolutamente essere penalizzati dall’insularità».

(92)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.