Perché riqualificare Villa Mazzini: lo spazio verde nel cuore di Messina

Foto 06 Villa Mazzini, MessinaRiscoprire la bellezza e le particolarità che rendono unica la Villa Mazzini. È questo l’obiettivo che si è posto il consiglio della IV Circoscrizione che, con una delibera del 7 gennaio, ha richiesto all’Amministrazione di riqualificare uno dei principali polmoni verdi cittadini, così centrale eppure attualmente abbandonata al degrado.

Sì, perché la Villa Mazzini, spiega la IV Circoscrizione: «È stata originariamente concepita come un giardino mediterraneo “romantico”, che esiste solo in Sicilia (come Villa Bellini a Catania e i Giardini Inglesi a Palermo). Ricalca, infatti, l’impostazione tipica dei giardini inglesi, completamente diversi da quelli nostrani, che, specie in età romantica, riproducevano in qualche modo l’ambiente naturale, attraverso viali tortuosi, elementi particolari come la grotta, la balconata, con conseguente eliminazione di ogni elemento dritto».

Ma non solo. Quel luogo che è sempre stato punto di incontro per le famiglie, ha delle particolarità da un punto di vista naturalistico che pochi conosco: al suo interno sono state piantate nel tempo piante di origine tropicale e sub-tropicale; nei pressi dell’acquario, inoltre, c’è un albero di Araucaria, rarissimo esemplare proveniente dalla Nuova Zelanda.

Al momento però, ha segnalato il consiglio circoscrizionale, i problemi all’interno della villa sono tanti: «Villa Mazzini – hanno spiegato – non soltanto ha perso la bellezza che avrebbe dovuto caratterizzarla, ma addirittura rischia di essere chiusa alla libera fruizione dei cittadini e, in particolare, dei bambini e degli anziani». Questo, a causa della pavimentazione deformata, della mancanza di servizi igienici, della poca cura riservata alle piante, alcune delle quali risulterebbero malate e a rischio crollo.

Insomma, che un luogo così centrale, con tante potenzialità e una storia che parla da sola venga abbandonato a sé stesso è, per i consiglieri della IV Circoscrizione, un vero peccato. Per questi motivi, si legge nella delibera da loro presentata, occorre “provvedere con ogni urgenza” all’adozione di ogni iniziativa e di ogni provvedimento finalizzati alla riqualificazione di quest’area verde che, se continua ad essere lasciata sola, rischia addirittura di chiudere.

Tra i vari interventi sollecitati dalla IV Circoscrizione per ridare vita e bellezza alla Villa Mazzini, citiamo, a titolo esemplificativo:

  • il rifacimento della pavimentazione, che appare in molti punti fortemente deformata;
  • la sostituzione dei pini con essenze arboree compatibili con l’ambiente e la potatura delle piante, che risulta non effettuata da molti anni, al fine di ridurre il rischio di schianto degli alberi o di caduta di ramo con le gravissime ed irreparabili conseguenze che ne potrebbero derivare;
  • la messa in sicurezza del Ficus adiacente la gabbia degli uccelli, per mezzo di un’adeguata potatura di alleggerimento, nonché la sistemazione delle radici aeree, al fine di garantirne la stabilità ed evitare la caduta di rami, specie nelle giornate di maggiore vento.

Infine, i consiglieri segnalano che l’Amministrazione ha sì indetto una gara per affidare la manutenzione dello spazio verde, la pulizia della Villa Mazzini e la chiusura dei cancelli, ma senza interpellare in proposito la IV Circoscrizione. Si chiede, quindi, all’assessore ai Lavori Pubblici, Salvatore Mondello la documentazione sulla gara in corso.

(409)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *