Passione, creatività e tradizione: Antonella Adragna e il sogno del suo Home Restaurant

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Da una parte i laghi di Ganzirri, dall’altra lo Stretto di Messina. È questa la suggestiva cornice che fa da sfondo a Il Vicolo del Lago, l’home restaurant di Antonella Adragna. Un sogno che la chef teneva da tempo custodito in un cassetto e che proprio ad inizio anno è riuscita a trasformare in realtà.

Dopo aver lavorato nelle cucine di yatch di lusso e aver girato il mondo in mare, Antonella ha deciso di tornare a Messina e adesso ha acceso i fuochi della cucina di casa, dove crea piatti che hanno per protagonisti i prodotti del nostro territorio. Dalle farine, al pesce alle verdure, è tutto un trionfo di messinesità, reso unico dal tocco inconfondibile della creatività di una chef che riesce ad unire tradizione e innovazione.

Il Vicolo del Lago: un sogno chiamato Home Restaurant

Appena si arriva in via Adolfo Romano, nel cuore di Ganzirri, il profumo che proviene dalla cucina di Antonella è il chiaro segnale che si è arrivati a destinazione. Entrati a casa, si viene subito rapiti dal grande tavolo conviviale in cui gli ospiti potranno non solo gustare le preparazioni di Antonella Adragna ma anche fare nuove amicizie. La cucina a vista, si trova proprio accanto alla zona pranzo per consentire ai commensali di poter ammirare la chef in tutte le fasi della preparazione dei piatti, senza nessun tipo di barriera.

«Il nostro motto è “Come a casa tua” – ci racconta chef Antonella. Quello che vogliamo offrire è un’esperienza di convivialità, dove i clienti sono trattati come veri amici». Al Vicolo del Lago la famiglia è al centro di tutto. Mentre Antonella cucina con cura e passione, ad accompagnarla e sostenerla in questa nuova avventura imprenditoriale ci sono suo marito Sebastiano, che si occupa della parte drink & beverage, e i suoi figli Rita, Helena e Marco. Fondamentale anche il sostegno dei suoi genitori, Pippo e Pina.

E dai suoi fornelli Antonella lancia un messaggio importate, rivolto a tutte le donne: «Se ce l’ho fatta io, all’alba dei miei 50 anni, a realizzare il mio sogno, credo che qualsiasi donna può avere l’opportunità di farlo». Un messaggio che invita a non arrendersi mai e a credere nei propri sogni, a qualsiasi età, perché non si è mai troppo grandi per realizzarli.

Colori, profumi e sapori: la cucina di Antonella Adragna

Ogni piatto è il risultato di uno studio attento, durante il quale Antonella sperimenta non solo con i gusti e i profumi ma anche con i colori. L’armocromia, infatti, è una delle caratteristiche delle sue creazioni culinarie, dove anche l’abbinamento dei colori dei vari ingredienti contribuisce alla realizzazione del piatto finale: bello alla vista, invitante all’olfatto e delizioso al gusto.

+3

Il Vicolo del Lago – Menù

Parmigiana di cozze;

Gazpacho a base di spinaci, avocado, lime e cetriolo, con gambero rosso di Mazzara a crudo e frutta;

Carpaccio di baccalà con arancia amara, cannolo salato con stracciatella all”erba cipollina e gambero con pistacchio. Polpo al mago e cipolla caramellata;

Raviolo nero con salmone e ricotta di cocco;

Gnocco viola con crema di pecorino e cozze;

Mousse di pistacchio con cuore di cioccolato fondente.

Le diverse portate del menù sono state accompagnate da una selezione di vini della cantina Gaglio Vignaioli mentre a rendere l’atmosfera ancora più unica ci ha pensato Daniele Mircuda con la lettura di poesie, accompagnato alla chitarra da Fabrizio Muscolino.

I progetti futuri

Il bello dei sogni è che non hanno confini. E mentre Antonella ci fa assaporare le sue creazioni, parla già dei prossimi step del suo progetto di home restaurant. «Con l’arrivo della bella stagione allestiremo anche una parte all’aperto. In più abbiamo ricevuto diverse richieste di persone interessate a fare dei corsi di cucina, quindi stiamo lavorando per poter accontentare anche questa richiesta».

 

 

(932)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.