Partita l’Isola pedonale. Molte ombre in partenza. L’area di Piazza Cairoli chiusa all’ora di pranzo

Isola pedonaleScattata l’Isola Pedonale. Alcune luci e molte ombre. Piazza Cairoli, ad esempio, è rimasta aperta per via di problemi ai semafori di via Centonze e all’ingresso di via Garibaldi. All’ora di pranzo la chiusura dopo la riparazione degli impianti. Bella l’atmosfera in via dei Mille mentre la circolazione è stata molto complicata ad angolo tra il viale San Martino e la via Maddalena e tra quest’ultima e la via Ugo Bassi. Ordinario il traffico in via La Farina. Pieno il parcheggio Cavallotti nei primi tre piani, il quarto non era zeppo, il quinto è chiuso perché mancano ancora i lavori di copertura con la guaina. Pare che l’assessore comunale ai Trasporti, Gaetano Cacciola, non ne sapesse nulla. Pieno anche il parcheggio La Farina dove gli automobilisti devono pagare ad eccezione di Zaera e Cavallotti che saranno gratis per un mese. In via dei Mille il briefing di Cacciola con il comandante della polizia municipale Ferlisi, gli agenti e il Consiglio del IV Quartiere, con in testa il presidente Francesco Palano Quero, che ha fatto il giro delle zone dove servono degli accorgimenti. In via La Farina si sono registrati dei disagi per via della potatura degli alberi. Deserto, come ogni giorno, il parcheggio Zaera Sud; notato che i flussi di traffico da Sud verso Nord sono maggiori rispetto a quelli in direzione contraria. L’assessore Cacciola ha detto: “Rispetto alle previsioni è andata bene, il Cavallotti ha retto i flussi di auto Nord-Sud, dobbiamo provvedere a quelli Sud-Nord e per questo lancio un appello ai cittadini affinché utilizzino lo Zaera, dobbiamo anche liberare la via La Farina dalle doppie file”. 

Anche il sindaco Accorinti, con la chiusura di piazza Cairoli alle auto, si è recato sul posto parlando di sogno che si realizza e di un cambiamento delle abitudini dei messinesi che con il tempo prenderanno gusto a utilizzare l’Isola. 

Molti automobilisti ma anche commercianti si sono lamentati. I secondi perché sospettano un brusco calo di acquisti. Anche i tassisti hanno affermato di non aver effettuato corse. 

 

(27)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *