Messina. Parcheggio selvaggio per un’auto ATM: i social si scatenano. La replica di Basile

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ha fatto in breve tempo il giro dei social l’immagine di una delle auto dell’ATM parcheggiata ad angolo. A riprenderla le diverse pagine Facebook satiriche della città di Messina, ma anche molti cittadini, rigorosamente con l’hashtag #mancastamanera, utilizzato dall’Amministrazione stessa per una recente campagna di sensibilizzazione contro la sosta selvaggia. Chiamato in causa, il sindaco di Messina Federico Basile ha replicato.

È proprio il caso di dirlo, richiamando l’hashtag lanciato dalla Giunta e dall’ATM #mancastamanera per promuovere nei cittadini una maggiore attenzione al Codice della Strada, specialmente per quel che riguarda i parcheggi. Attività in cui i messinesi sanno essere molto “creativi” tra doppie e triple file, strisce pedonali e stalli per disabili occupati abusivamente. Nella giornata di ieri sono state ben due le immagini a circolare sui social: una lanciata da “Il Ruggito del Consiglio”, una da “La Gazzella del Sud”. In entrambe, un’auto dell’ATM era parcheggiata all’angolo, una addirittura con le ruote sul marciapiede.

La pagina satirica “La Gazzella del Sud” ha chiamato direttamente in causa il sindaco Federico Basile, taggandolo su Facebook: «Federico Basile Sindaco di Messina – si legge nel post – manco a sta manera però».

In serata la replica del Sindaco di Messina, sempre a mezzo social: «Dispiace – scrive in un post – sapere che i cittadini non rispettino la propria città con gesti di questo tipo. Ancora più grave che siano lavoratori dipendenti dell’azienda del trasporto pubblico locale a farlo Il messaggio deve essere più forte.. dobbiamo tutti rispettare di più le regole.. la nostra città.. e noi stessi quali attori della vita pubblica… Ringrazio “La Gazzella Del Sud “ perché individuando ironicamente e seriamente questi comportamenti mi fa capire che c’è tanta strada da fare… #mancastamanera vale per tutti ancora di più per noi!!».

(638)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.