Occupava abusivamente l’alloggio dal 2001. Blitz di De Luca in una scuola di Messina

È stato liberato stamattina un altro alloggio occupato abusivamente a Messina da 15 anni. A comunicarlo è stato il sindaco Cateno De Luca che, rientrato dal suo secondo blitz mattutino, ha condiviso le immagini scattate durante l’operazione sottolineando che: «Si trattava dell’ultimo alloggio occupato dal custode andato in pensione nel 2001».

«Liberato anche questo alloggio dopo 15 anni di occupazione abusiva» ha esordito il Primo Cittadino commentando l’operazione condotta questa mattina dalla Polizia Municipale presso la scuola San Francesco di Paola, a San Licandro. Nello specifico, l’alloggio in questione, oggi svuotato, si trova nel cortile interno della struttura.

Ad abitare i locali – ha spiegato il sindaco De Luca che si è recato sul posto insieme agli agenti –, con luce e acqua a carico del Comune di Messina era stato l’ex custode dell’edificio, andato in pensione nel 2001. «Per onestà – ha aggiunto il Primo Cittadino – devo ammettere che l’occupante, nonostante i numerosi contenziosi con Palazzo Zanca, non ha opposto resistenza ed ha volontariamente lasciato l’immobile».

Secondo blitz mattutino (il primo è stato a Torre Faro) del sindaco De Luca, l’azione della Polizia Municipale di questa mattina conclusasi con lo sgombero dell’alloggio occupato abusivamente è stata condotta dal coordinatore della sezione di Polizia Giudiziaria di Messina, l’ispettore Pino Parialò.

(3117)

1 Commento

  • Liliana ha detto:

    Signor Sindaco,intanto condivido i suoi blitz. I messinesi sanno come fare i furbetti e solo i blitz possono (in parte) metterli con le spalle al muro. In prossimità dell’Agosto Messinese perchè non mette in taccuino un blitz per vedere se la sua dettagliata ordinanza sull’accattonaggio viene rispettata. Sul viale s.martino e relativi supermercati e marciapiedi tutto è uguale. Forse tanto per cominciare i grossi centri commerciali potrebbero affiggere la sua ordinanza e facendo forza su quella allontanare chi se ne frega? Viene anche risposto che le forze dell’ordine non intervengono. Sarà vero? Che caos,Signor Sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *